Panico e stupore per una signora di Biella mentre era intenta a stendere i panni sul balcone di casa. Ad un cero punto tra una camicia e un lenzuolo ha visto qualcosa di inaspettatp: un pitone di quasi 3 metri! In preda al panico, ha chiamato subito i Vigili del Fuoco, che sono intervenuti in fretta per recuperare il rettile, un’operazione non quotidiana ma avvenuta già altre volte.
Quando i vigili sono arrivati però, sono rimasti stupiti perchè dover recuperare un rettile ma non si aspettavano di trovare un simile esemplare, un gigantesco animale esotico, piuttosto aggressivo, che ha richiesto l’intervento di un reparto specializzato, per evitare comportamenti rischiosi anche per gli operatori, i quali non hanno l’abitudine di salvare animali così potenzialmente pericolosi.  Il pitone era scappato dall’abitazione del proprietario nei pressi del luogo di ritrovo. Era denunciato come animale esotico con regolare segnalazione. A restituirlo al proprietario sono stati i volontari della protezione civile ma ora il proprietario potrebbe essere sanzionato per omessa custodia.“Il ritrovamento all’esterno di questo animale potrebbe essere frutto di disattenzione – spiega il naturalista Tiziano Pascutto – e potrebbe nuocere sia all’animale, cresciuto in cattività e non abituato a cacciare, sia alle persone, per lo spavento che potrebbe generare un pitone di 3 metri. C’è un pericolo psicologico intrinseco che non va sottovalutato. È chiaro che la detenzione di un simile animale prevede la massima attenzione, al fine di non creare situazioni incresciose alle persone e allo stesso animale”.

Categorie: News