E’ una storia tenera di indigenza, amore per gli animali e cosa si è disposti a fare per loro. Ce la racconta la sezione Monza-Brianza dell’Enpa.

Ladri, o meglio ladro, di crocchette! Già, questa volta il furto non è di biciclette come nel celebre film di Vittorio De Sica ma di crocchette per gatti!
Erano parecchie settimane che da una colonia felina di Cascina Seregna a Caponago (MB) spariva regolarmente il cibo. Giorno dopo giorno un misterioso ladro non solo sottraeva interi sacchi di crocchette da 5 o 10 kg (custoditi per scorta) e materiali usati per tenere in ordine le casette, ma arrivava addirittura a svuotare le ciotole lasciate per i circa 15 gatti liberi.
A fare la segnalazione alle Forze dell’Ordine è stata la tutrice della colonia, Milena Rosellini (foto sopra), volontaria dell’ENPA di Monza e Brianza e responsabile colonie feline. Esasperata e amareggiata per i continui furti, con l’autorizzazione dei Carabinieri, Milena posiziona nella zona alcune fototrappole che riprendono le attività del ladro senza, però, riuscire a identificarlo con certezza. Chiude le casette, da lei realizzate, con lucchetti e lascia in vista un cartello cortese: “Se hai bisogno di cibo, lascia un messaggio e cercherò di aiutarti. Ma non rubare il cibo a questi poveri gatti che non hanno nient’altro da mangiare. Grazie.” La preghiera rimane però inascoltata, i lucchetti vengono forzati e i furti continuano come se niente fosse.
Entra in azione la Polizia
Nel frattempo la segnalazione viene passata alla Polizia Locale di Caponago il cui Comandante, Gabriele Garberoglio, prende subito a cuore la questione. Insieme a Milena individua la posizione migliore dove collocare le fototrappole, che finalmente fanno il loro dovere, dando un volto al ladro, ripreso in modo chiaro di prima mattina, intento nelle sue attività illecite.
Ed è proprio il Comandante Garberoglio, alle 8,30 del 26 novembre, a cogliere il ladro letteralmente – è il caso di dirlo – con le mani nel sacco.
La comprensione della volontaria … e del comandante!
Si tratta di un pensionato di Carugate (MI), comune al confine con Caponago. Davanti agli agenti l’anziano si spaventa mostrandosi dispiaciuto per quanto è successo e raccontando di non avere abbastanza cibo per sfamare i suoi animali. Riceve una reprimenda verbale e promette di non farlo più. Non scattano, invece, ulteriori provvedimenti, poiché la volontaria dell’ENPA, conosciuta la situazione dell’anziano, è colta da compassione e decide, in accordo con la Polizia, di non sporgere alcuna denuncia. Non solo: ENPA di Monza si impegna ad aiutare l’uomo donandogli mangimi per i suoi animali. Un ulteriore visita alla casa dell’anziano accerterà che presso il suo orto vivono numerosi gatti provenienti dalle colonie degli orti circostanti.

Il ringraziamento di ENPA

Al Comandante Gabriele Garberoglio, che ha svolto attività di volontariato in un canile in provincia di Alessandria, va la nostra gratitudine per la grande disponibilità e sostegno dimostrati. Caponago, teatro della vicenda, è un comune animal-friendly con cui ENPA collabora da tempo in modo proficuo, e lo stesso Sindaco Monica Buzzini, nel ringraziare tutti gli attori coinvolti in questa delicata situazione, ha voluto ricordare che la tutela delle colonie feline è responsabilità del primo cittadino e della Polizia Locale.
Un via vai felino…
ENPA terrà monitorata la situazione nella zona, dove vivono moltissimi gatti liberi che i proprietari degli orti – frequentati dai mici – si rifiutano di far sterilizzare (come invece prevede la legge), convinti, erroneamente, che gatti sterilizzati non siano in grado di catturare i roditori. Naturalmente ciò comporta una nascita incontrollata di gattini che, una volta svezzati, vanno ad alimentare le colonie vicine con tutte le conseguenze che ne derivano.