Gli incidenti stradali causati da animali che attraversano la strada sono un fenomeno, purtroppo molto diffuso in parecchie aree del nostro Paese.
Si stima possa interessare ogni anno oltre 1 milione e mezzo di esemplari (circa 15.000 per ogni provincia) coinvolgendo anche specie di alto interesse conservazionistico, come l’orso, il lupo o il gatto selvatico.
L’Osservatorio ASAPS nell’anno 2018 ha registrato 148 incidenti significativi (l’Osservatorio considera solo quelli con persone ferite o decedute) col coinvolgimento di animali, (155 gli eventi nel 2017)  nei quali 11 persone sono morte (14 nel 2017) e 189 sono rimaste seriamente ferite (205 nel 2017). In 119 casi l’incidente è avvenuto con un animale selvatico e in 29 con un animale domestico. 116 incidenti sono avvenuti di giorno e 32 di notte. 140 sulla rete ordinaria e 8 nelle autostrade.
In 121 casi il veicolo impattante contro l’animale è stato una autovettura, in 36 casi un motociclo e in 6 incidenti convolti dei velocipedi. Il totale è superiore al numero degli eventi perché in alcuni sinistri sono rimasti coinvolti veicoli diversi.
Nei primi 3 mesi del 2018 l’Osservatorio ASAPS ha registrato 29 eventi gravi che hanno causato 2  morti e 50 feriti.
Secondo ASAPS quello degli incidenti col coinvolgimento di animali, in particolare selvatici, specie in alcune zone ad alta frequenza per questo tipo di sinistri, richiede l’adozione di ulteriori strumenti difensivi per la sicurezza della circolazione. (ASAPS)

Categorie: News