L’estate è agli sgoccioli ma qualche altra ondata di caldo torrido è ancora prevista andando a sfinire umani e animali domestici come cani e gatti.  Il calo e l’umidità è particolarmenteL'impatto del cambiamento climatico sugli animali: effetti e conseguenze sofferta dagli animali e per questo cercano sempre posti ombrosi come ad esempio sotto il letto, se dentro casa, o sotto alberi e piante.
Per aiutare cani e gatti non è raro che si ricorre, ove possibile, al condizionatore che climatizza l’intera casa e deumidifica oppure gli si mette il ventilatore davanti. Prima di fare ciò, però, bisogna capire se effettivamente sia una scelta saggia o meno.
Aiutare un cane o un gatto con il ventilatore – come pubblicato da ecoo.it –  è estremamente sconsigliato, o meglio, vietato. Questi animali non sudano e per rinfrescarsi tendono ad ansimare, così da liberarsi dell’aria calda interna ed assorbire quella fresca dall’esterno. Il ventilatore, che sostanzialmente crea solo un ricircolo, è inutile se l’aria è troppo calda. Inoltre, può causare loro irritazioni agli occhi.
Il condizionatore, invece, può essere una buona soluzione. Esso rinfresca realmente l’ariaAria condizionata: pro e contro per cani, gatti e altri animali domestici ed evita possibili attacchi cardiaci ai pelosetti in caso di caldo eccessivo. Nonostante ciò, è bene tenere a mente alcune cose. In primis, bisogna evitare sbalzi termici e quindi impostare la temperatura tra 21 e 26 gradi. Inoltre, bisogna sapere che i cani hanno bisogno di più refrigerio rispetto ai gatti per una maggiore attività muscolare. Infine, si consiglia di deumidificare l’ambiente, poiché l’umidità va a scombussolare la funzione del termostato naturale di cui sono in possesso gli amici a quattro zampe.

Categorie: Curiosità