Dopo il coleottero, la lumaca, il ragno e un tardigrado, è arrivata anche una ranocchia che si fregerà del nome di Greta Thunberg.
La scelta del nome non e’ irrispettosa per la giovane ambientalista ma un riconoscimento del suo impegno nella difesa degli habitat aggrediti dai cambiamenti climatici come quello dove è stata scoperta la ranocchietta. La piccola “pristimantis gretathunbergae” e’ stata scoperta in un habitat a oltre 1.000 metri di altitudineSpeciale Cop24 Katowice: Il discorso della 15enne Greta Thunberg. La nostra biosfera viene sacrificata per far sì che le persone ricche possano vivere nel lusso – Massa Criticaparticolarmente frammentato e gravemente danneggiato dall’opera dell’uomo, che ha disboscato in 10 anni oltre il 30% delle foreste per fare spazio a piantagioni e pascoli di bestiame. Inoltre, a incidere sulla sopravvivenza della rana ci sono anche la presenza di un fungo letale e, soprattutto, i cambiamenti climatici: con l’aumento delle temperature si stanno modificando le condizioni ambientali, sempre piu’ ostili per il piccolo anfibio. Il vincitore dell’asta Rainforest Trust ha quindi voluto nominare la rana in onore di Greta Thunberg e del suo impegno nel denunciare l’urgenza della prevenzione dei cambiamenti climatici. 

Categorie: News dal Mondo