Il Comune di Salve, nel Salento,avvia un piano di prevenzione al randagismo mediante censimento felino. Lo fa con una fresca deliberazione di giunta.
“Il Salento sta vivendo una emergenza randagismo dei gatti”, scrive l’amministrazione, “non solo per l’aumento fuori controllo della popolazione felina, ma anche per l’inevitabile conseguente problematica igienico-sanitaria e sociale che il fenomeno sta creando e di cui lanciano l’allarme i cittadini comuni, mentre le amministrazioni del Basso Salento sembrano non accorgersene. Gatti ovunque in zone pubbliche più o meno protette, nei vicoli di paese, nei giardini privati, negli spazi riservati ai condomini nelle località marine, gattini miagolanti cheAl via la sterilizzazione delle colonie feline sparse sul territorio  galatinese :: Galatina vengono abbandonati a volte anche chiusi in sacchetti di plastica. Le malattie tipiche dei gatti si diffondono tra la popolazione felina senza distinguere ovviamente gatti randagi e gatti di proprietà”.
“Ma tra questi”, continuano dal Comune, “si distingue l’amministrazione della città di Salve che, preso atto della situazione, con Deliberazione di Giunta ha deciso di attuare un piano di prevenzione partendo dal censimento dei gatti e delle colonie feline su tutto il territorio comunale di Salve e Marine, propedeutico alla successiva attuazione di interventi straordinari e azioni preventive, attraverso le sterilizzazioni, mirate a contenere il fenomeno del randagismo felino.
La lettura prosegue qui

Categorie: News