Un tragico episodio di malgoverno di animali, in questo caso un pitbull, che poteva andare anche peggio. Uno di quei casi in cui per un proprietario debole il patentino per cani di forte carattere avrebbe potuto fare la differenza.
E’ stato l’Intervento della polizia nel parco delle Cascine per mettere bloccare un pitbull che ha aggredito e sbranato il barboncino di un’anziana a passeggio nel parco e davanti a bambini.
Il cane più piccolo è morto per le ferite, il pitbull è stato affidato ai veterinari della Asl, mentre il suo proprietario, un maghrebino, rischia una denuncia.Zuffa tra due pitbull, li divide, viene azzannato e poi portato in ospedale
Una pattuglia stava attraversando il parco quando all’improvviso si è trovata di fronte la scena, con l’anziana, poi sotto choc, si stava prodigando per salvare la sua bestiola. Gli agenti hanno temuto per lei e anche per i bambini intorno, dato che non poteva essere esclusa la possibilità che il pitbull si rivoltasse contro la donna, e hanno agito a mani nude riuscendo a far mollare la presa al pitbull, quindi cercando di salvare il barboncino tamponandogli le gravissime ferite e affidandolo di corsa a una clinica veterinaria privata ma poi l’animale non ce l’ha fatta a sopravvivere.
Gli agenti hanno proseguito l’intervento andando a cercare il pitbull, finché lo hanno rintracciato insieme al padrone che l’aveva preso al guinzaglio, un maghrebino di 30 anni, peraltro senza fissa dimora, che si è giustificato dicendo che il cane gli era scappato.
Disagio sociale in cerca di rivalsa e cane potenzialmente aggressivo possono diventare un mix molto pericoloso.

Categorie: News