Il portale dedicato
al mondo degli animali
Online
dal 2010

Patrocinato 
dall’Ente 
Nazionale 

Protezione 
Animali 

Con il patrocinio di ENPA

Orso in Val di Rabbi, Enpa invia auguri di guarigione all’uomo e si rivolge alla Provincia di Trento: “Chiediamo accesso agli atti e interdizione delle aree con orse con cuccioli”

07/03/2023

La primavera in Trentino non viene annunciata dai voli delle rondini, ma dagli incontri con gli orsi che escono dalle tane e, ancora intontiti dal lungo sonno invernale che ha ridotto al lumicino le risorse di grasso, si avventurano alla ricerca di cibo in zone che credono deserte, venendo – invece – sorpresi e spaventati dall’arrivo improvviso e inaspettato di un cane seguito da un uomo:Ferito da un orso in Trentino, polemiche sulla pericolosità - Natura -  ANSA.it un’accoppiata capace di terrorizzare ogni orso, come dimostrato non solo da esperienze vissute, ma anche e soprattutto dalle ricerche scientifiche. Ancor più traumatica l’apparizione di cani e uomini lo è per una femmina che, seppure sfiancata dall’allevamento dei suoi figli, nati durante il letargo, deve trovare di che sfamare se stessa e piccoli plantigradi, in una zona scelta appositamente periferica, povera di risorse e quindi poco attraente per i maschi adulti, peggiore nemico per i cuccioli inermi. C’era un tempo in cui nessuno si avventurava in montagna durante l’inverno, consentendo alla fauna di stare in pace, svolgendo almeno una parte della propria vita senza interferenze umane. Oggi non è più così, gli uomini arrivano dappertutto. Ma le Istituzioni, in primis la Provincia autonoma di Trento, che si è assunta l’onore e l’onere della reintroduzione dell’Ursus arctos, dovrebbero dare le indicazioni corrette e porre i limiti necessari a rendere possibile la coesistenza fra l’uomo e il plantigrado, notoriamente animale elusivo e poco aggressivo.
Non ultimo, e la Protezione Animali lo chiede da molti anni, la PAT dovrebbe decidersi una volta per tutte a controllare che i cani siano sempre tenuti al guinzaglio nelle zone di presenza di grandi carnivori – prevedendo corrette informazioni ai proprietari e sanzioni adeguate – e ad interdire le zone in cui vi siano femmine accompagnate da cuccioli: se queste decisioni non vengono prese, ci chiediamo a chi serva non fare le cose che la scienza e l’esperienza sul campo hanno dimostrato essere efficaci. Per fortuna, Alessandro Cicolini ha riportato ferite non gravi, ascrivibili presumibilmente ad un falso attacco posto in atto con l’intento di allontanare la coppia formata da cane e uomo, situazione notoriamente percepita come grave pericolo dagli orsi. Gli auguriamo di riprendersi velocemente, mentre noi attendiamo la risposta alla nostra richiesta di accesso agli atti, perché siamo convinti che qualcosa è andato storto e non ha consentito all’orso di allontanarsi, senza nemmeno farsi percepire dall’uomo, come avviene continuamente nei boschi del Trentino. (ENPA)


Categorie: Cura e gestione, Mondo animale