Sembra facile catturare un gatto di strada! In realtà chi cattura gatti da anni – e lo fa per sterilizzarli, per curarli o per spostarli in altro luogo – sa bene che “prendere” un felino può richiedere pochi minuti ma anche alcuni anni. I gatti sono imprevedibili, intelligenti, abili e per farli entrare nella gabbia trappola bisogna conoscere il carattere dell’animale, il territorio, prevedere per quanto possibile gli imprevisti ma occorre anche avere ben chiaro lo stato d’animo della “gattara” o del “gattaro” che solitamente si prende cura di ogni singolo felino.
Un patrimonio di conoscenza e di esperienza, insomma, che Chiara Sforzi e Simona Petrassi hanno raccolto suCome catturare un gatto randagio | Guide pratiche | Benessere | Magazine iniziativa della Sezione Enpa di Pistoia in un e-book gratuito intitolato “Non dire gatto… se non l’hai nel sacco. Cattura di gatti randagi mediante trappola”. Il libro è stato prodotto da Alberto Soldati, i disegni sono di Stefano Frosini.
Dalla preparazione della cattura alle operazioni da compiere per far entrare il gatto nella gabbia trappola (ovviamente senza far male all’animale) fino alle azioni per la messa in sicurezza, l’e-book descrive minuziosamente tutte le fasi della cattura e colpisce per la chiarezza espositiva. Completa il lavoro un ricco corredo fotografico.
Grazie alla Sezione Enpa di Pistoia per questo preziosissimo lavoro utile non solo alle sedi della Protezione Animali ma anche a tutti i volontari.

:: SCARICA “NON DIRE GATTO… SE NON L’HAI NEL SACCO”

Categorie: Animali e Cultura