In occasione del National Puppy Day, odierna giornata americana dedicata ai cuccioli ma ormai adottata in tantissime parti del mondo, l’Ente Nazionale Protezione Animali ha creato unIl cibo per cuccioli supporta la crescita dei giovani cani - ANiFiT -  Alimentazione sana e naturale per cani e gatti piccolo video vademecum sul linguaggio dei cani per imparare a comunicare sempre meglio con i nostri amici a quattro zampe. Cosa ci vogliono dire quando alzano una zampa o si grattano testa o naso? Siamo davvero sicuri che se scodinzolano vuol dire sempre che sono felici? Quali sono i segnali a cui fare attenzione per capire che il nostro cane sta vivendo un momento di disagio? In un piccolo video Westie, la megadirettrice di “Amici Cucciolotti”, ci svela i tanti messaggi nascosti dietro la postura dei nostri “cuccioli” di tutte le età.
“Lo scorso anno l’Ente Nazionale Protezione Animali ha dato in adozione 22.383 cani. La scelta di accogliere un cucciolo – afferma Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa – è sempre una decisione da prendere sì con il cuore ma anche con tanta testa e razionalità per essere pronti ad affrontare le tante sfide e responsabilità che questi meravigliosi piccoli esserini ci presentano. Imparare a capirli meglio è sicuramente uno sforzo che tutti dovremmo fare quando decidiamo di accogliere un nuovo membro della famiglia. Per questo Enpa organizzerà nei prossimi mesi degli eventi insieme alle famiglie adottanti per apprendere meglio il linguaggio dei cani ed avere quindi una migliore comunicazione con loro”.
Quante volte si sente dire che al cane manca solo la parola? In realtà il nostro amico a quattro zampe comunica usando il suo corpo, il suo sguardo e la sua voce come noi. Fondamentale per una buona comunicazione è imparare ad interpretare i suoi movimenti del corpo. Abbassare le orecchie, muovere la coda, leccarsi il naso, mettersi a pancia all’aria, voltare la testa, sono tutti modi diversi per comunicare emozioni e intenzioni. Ecco quindi qualche consiglio per capire meglio i cuccioli di ogni età:
Leccarsi il naso
Se li vediamo intenti a leccarsi il naso ripetutamente ci stanno mostrando un disagio, osserviamo attentamente e cerchiamo di capire cosa non va. Cane pauroso: 10 segnali inconfondibili
La coda
La coda ci dice tante cose: se la tengono alta e dritta sono sul chi va là e si stanno chiedendo cosa succede oppure sono arrabbiati. Se la tengono bassa tra le zampe sono decisamente preoccupati.
Scodinzolare
È in genere un segno di felicità ma attenzione non sempre, se lo fanno molto velocemente potrebbe essere un segnale di agitazione o stress.

Le orecchie
Sono tese in avanti? Vogliono dire a tutti che sono sicuri di loro o Come pulire le orecchie del mio cane? - Brekz.itche sono arrabbiati.
Sono dritte come delle antenne? Vogliono dirci: “dimmi tutto, sono attentissimo”.
Se invece le mettono indietro potrebbero avere paura o sentirsi insicuri.
Adesso lasciami stare, ho da fare!”
Quando gli chiediamo qualcosa e lui annusa il pavimento, non è distratto ma ci sta dicendo di lasciarlo stare perché non ha voglia di fare quello che gli abbiamo chiesto.
Coccolami!”
Quando si mette su un fianco ci sta chiedendo di fargli le coccole
Pancia all’aria
Quando il cane si mette a pancia all’aria può voler dire:Cane con la pancia gonfia e dura, rimedi e cause del gonfiore addominale
– “Sono felice!”: in questo caso scodinzola e apre la bocca per farci capire che è felice
– “Ho paura!”: in questo caso invece ha le zampe un po’ raccolte, la bocca rimane socchiusa e la coda è ferma e il nostro cane ci sta chiedendo di non fargli del male e sta comunicando che ha paura.
Non so cosa fare!”
Quando un cane si trova in difficoltà o non sa cosa fare alza la zampa oppure inizia a grattarsi, un po’ come capita anche a noi che quando dobbiamo risolvere un problema ci grattiamo la testa o il naso.
Giochiamo!”
Quando ci fa un inchino, con un sorriso aperto, la coda scodinzolante e un movimento laterale vuole dirci che non vede l’ora di giocare con noi.
Lasciami stare!”
Quando un cane è molto agitato, ha il pelo dritto, le orecchie tesissime e la coda sollevata e vibrante è importante evitare di guardarlo dritto negli occhi, non va accarezzato e non bisogna allungare le mani verso di lui. Tutti questi segnali, infatti, indicano che vuole essere lasciato stare.

        TUTTE LE NEWS DI LE INIZIATIVE