Lo chiamano “harvest”, prelievo, e lo propongono come “sostenibile”, ma si tratta di un vero e proprio massacro: 45 milioni i canguri uccisi negli ultimi 20 anni. Oltre 2 milioni l’anno! Lo denuncia la LAV nel Rapporto Canguri.
La caccia avviene di notte, con potenti fari montati su pick-up e a bordo dei quali i cacciatori sparano. Una strage lenta e dolorosa, con un numero impressionante di vittime “collaterali”, cuccioli dipendenti dalle madri, deambulanti o ancora nel marsupio, animaliMassacro canguri: aziende complici - LAV feriti, o fuggiti in preda al panico, tutti condannati a lenta agonia.
É il più brutale abbattimento di animali selvatici al mondo che vede l’Italia primo paese importatore di pelli di canguro in Europa.

Il nostro Paese ogni anno importa più di 100 tonnellate di pelli grezze di canguro, che poi vengono lavorate dalle concerie italiane e utilizzate da aziende italiane e estere per realizzare calzature da calcio e tute motociclistiche, ma anche da aziende del settore calzaturiero in fasce medio-alte o alte del mercato.
Nel 2019 LAV è entrata nel “Kangaroo-Team” internazionale, coalizione di ONG impegnate per salvare i canguri, e ha lanciato in Italia la campagna #SALVACANGURI per sensibilizzare i cittadini, e convincere le aziende italiane coinvolte nell’import della pelle di canguro nel settore della moda e dell’abbigliamento sportivo, calcio e motociclismo, a rinunciare all’uso delle pelli di canguro.
Finora hanno aderito al nostro appello DIADORA, VERSACE, PRADAFERRAGAMO.
LOTTO è una delle aziende italiane che utilizza pelle di canguro per la produzione di scarpe da calcio. (segue)

Categorie: NewsUncategorized