La PETA Asia ha chiesto alla LVMH, Moët Hennessy Louis Vuitton,  proprietaria di oltre settanta marchi divisi in aziende di alta moda di rinunciare a pellicce e pelli esotiche.
Indipendentemente dagli “standard” richiesti da un’azienda o da dove vengono realizzati i prodotti, la sofferenza dilaga nel commercio di pelli esotiche ed è quasi impossibile risalire all’origine della pelle per scoprire chi è stato ucciso per essa siano essi coccodrilli, serpenti e altri animali uccisi per la loro pelle.PETA Shuts Down LV's 'Humanely Farmed' Claims | PETA
Un’indagine PETA Asia inquietante e unica nel suo genere rivela esattamente come vengono uccisi i pitoni per le borse e le scarpe di pelle di serpente di LVMH. Gli investigatori hanno visitato due mattatoi indonesiani che riforniscono LVMH – che possiede Louis Vuitton, Dior, Celine e altri marchi di moda – e hanno documentato i lavoratori che colpivano i serpenti in testa con martelli, li riempivano d’acqua e li scuoiavano, probabilmente mentre erano ancora coscienti .
Una precedente indagine PETA Asia ha mostrato serpenti tenuti prigionieri in gabbie di filo metallico sporche e poi uccisi violentemente per essere stati pompati pieni d’aria.
L’investigatore ha anche ottenuto filmati che mostravano pile di coccodrilli con la bocca chiusa e poi avvolti in sacchetti in modo che non potessero muoversi. Un operaio ci è passato sopra e li ha rozzamente colpiti da elettroshock con quella che sembrava essere la batteria di un’auto. Tuttavia, i rettili non rispondono allo stordimento elettrico allo stesso modo degli altri animali e non ci sono prove valide per dimostrare che li renda incoscienti prima che i lavoratori tentino di ucciderli.
Un’altra indagine PETA Asia sugli allevamenti di coccodrilli in Vietnam che fornivano pelli alla società madre di Louis Vuitton, LVMH, ha mostrato migliaia di rettili che giacevano immobili in anguste fosse di cemento, alcuni più stretti della lunghezza del loro stesso corpo.
Ma non sono solo i rettili a soffrire. PETA US ha ottenuto filmati di struzzi – la cui pelle è utilizzata per borse dalla trama irregolare vendute da Louis Vuitton – che mostrano che sono tenuti in aridi lotti di alimentazione per circa un anno prima di essere mandati al macello. Nel mattatoio, vengono trattenuti con la forza, storditi elettricamente e capovolti, quindi le loro gole vengono tagliate in piena vista dei loro compagni di sventura terrorizzati.PETA intensifies actions against luxury industry, takes aim at LVMH and Kering
LVMH continua a vendere anche capi realizzati con pelliccia, anche se il commercio di pellicce massacra milioni di animali, tra cui volpi, coyote e visoni, in modi raccapriccianti ogni anno. Questi animali in genere trascorrono la vita in gabbie di filo metallico anguste negli allevamenti di pellicce prima di essere infine uccisi da gas, elettrocuzione o altri metodi orribili.
Peta Asia chiede a tutti di aglire ora contro tutto questo
Ogni accessorio realizzato con pelli o pellicce esotiche e venduto dalla LVMH è frutto della morte orribile e raccapricciante di un animale sensibile che voleva solo essere lasciato in pace.   PETA  chiedere a LVMH di cancellare pelli e pellicce esotiche da Louis Vuitton e da tutti gli altri suoi marchi. Per sostenerla inviare un messaggio all’attenzione di Bernard Arnault, CEO di LVMH.

Categorie: News dal Mondo