Un gatto di strada, senza aspettative ma con un musetto simpatico e tanta voglia di coccole da ricevere e fare. Questa sua mite dolcezza gli ha aperto la strada per una vita felice proprio quando le cose per Khy sembravano precipitare.
Il piccolo randagio, con il suo modo accattivante, aveva conquistato una sensibile coppia del nord della California che aveva cominciato a prendersi cura di lui portandogli ogni giorno qualcosa da mangiare. Dopo un po’ di tempo i due coniugi si sono accorti che il suo naso stava iniziando a gonfiarsi.
Le condizioni del gatto peggioravano rapidamente. Aveva perso l’appetito mentre il naso cresceva. Era chiaro che aveva un disperato bisogno di cure mediche. Lo portarono di corsa dal veterinario e scoprirono che aveva il criptococco, un’infezione fungina causata dall’inalazione del fungo all’aperto.
La coppia sapeva di non poter affrontare le cure specialistiche di cui aveva bisogno il micio, quindi si sono rivolti a chi poteva aiutare Khy: il Santuario di Milo. Il centro, una volta contattato ha subito preso in carico il  gattino.
“Quando è arrivato al Santuario di Milo, Khy era molto malato, emaciato e si mostrava sofferente sia fisicamente che mentalmente. “L’intero lato sinistro della sua faccia era così ulcerato e infetto che stava semplicemente rattrappito”, così Michele Hoffman, presidente e fondatore del Milo’s Sanctuary, ha detto a Love Meow.
Al centro hanno immediatamente iniziato a curare sia il criptococco che il lato sinistro del viso. Nonostante fosse così fragile, Khy ha affrontato questa dura prova con tutte le sue forze e mostrando tanta gratitudine ogni volta che veniva curato.
“La sua voglia di vivere era incredibile. Aveva quella scintilla negli occhi che mi diceva che voleva un cambiamento e che voleva vivere. Così gli ho detto che sarei stato al suo fianco e avrei combattuto insieme a lui ha confessato Hoffman”.
Con cura meticolosa e tanto amore, Khy si è ripreso mostrando il desiderio di a guarire con tutte le sue forze fino a dimostrarsi pronto per l’intervento chirurgico, effettuato con risultati ottimali.
“Dopo una visita dal veterinario, farmaci, tanto amore e TLC, ha iniziato a sentirsi meglio. Continuavamo a dirgli quanto è bello e che è amato e al sicuro”, ha condiviso Michele con Love Meow.
Mentre Khy continuava a migliorare ogni giorno, la sua personalità emergeva. Era diventato più attivo e curioso e  insisteva per dare a tutti quelli che incontrava delle coccole.

A quanto pare, Khy è amore dipendente. “Ama coccolare altri gatti, umani o persino un cuscino. Ama il suo cibo e le sue leccornie e sta imparando lentamente a giocare con i giocattoli”.
Anche se sta molto meglio, Khy avrà bisogno di cure e attenzioni per tutta la vita per garantirgli un’esistenza più che  soddisfacente.
“Non è ancora guarito e ha molta strada da fare. Non sappiamo se il suo naso tornerà mai alle dimensioni di un gatto, ma va bene, perché lo si ama così com’è”.
Nonostante quello che ha passato, Khy continua ad amare tutto e tutti e ha così tanto da dare. “Non siamo riusciti a spiegare quanto sia fantastico, dolce e gentile ma lo provano le tante richieste di adozione che sono arrivate per Khy a Milo’s Sanctuary su Facebook e Instagram.

Fonte: lovemeow.com

Categorie: Storie del cuore