Era il gallo di famiglia e nel denunciarne l’uccisione c’è tutto il dolore e la rabbia per l’ottusa crudeltà dei bracconieri. Recita la segnalazione: “Voglio evidenziare il comportamento altamente scorretto da parte di un cacciatore e del suo cane a riguardo la brutale uccisione del gallo del mio piccolo pollaio domestico. Domenica a San Lorenzo in Noceto intorno alle 9 un individuo probabilmente a caccia in zona si è permesso di intrufolarsi nel pollaio, per liberare il gallo e far così divertire il proprio cane e le tracce sul posto parlavano chiaro. Questo grave atto di inciviltà gratuita pone in pessima luce tutti i cacciatori, che sicuramente, non saranno più i benvenuti nella zona visto che tutto il quartiere è stato allertato. Mi piacerebbe ricevere quantomeno le scuse da parte del “bracconiere” visto che tanto il gallo “Rocco” a cui i miei figli erano particolarmente affezionati non tornerà più. Inoltre invito a tutti quelli che a Natale si sono mangiati un bel galletto ruspante di mettersi una mano sulla coscienza”.(forlìtoday.it)

Categorie: News dal Mondo