Pablo Escobar, sanguinario narcos colombiana nella sua suntuosa dimora aveva voluto anche uno zoo e qui aveva ospitato, tra gli altri animali, anche quattro ippopotami che amava particolarmente. Dopo la morte del boss, nel 1993, il governo colombiano sequestrò la sua tenuta incluso il suo zoo personale. La maggior parte degli animali fu ricollocata, ma i quattro ippopotami furono abbandonati a loro stessi nei pressi di un laghetto. Si sono riprodotti e ora nessuno sa esattamente quanti siano, ma le stime indicano che potrebbe esserci una popolazione totale tra gli 80 e i 100 esemplari.Disegni da colorare ippopotami GRATUITI per bambini affamati di  divertimento - Giochi Divertenti
Per fermare l’aumento di esemplari con conseguenti danni all’ambiente e alla fauna, l’amministrazione aveva pianificato una sterilizzazione di massa e
ma le associazioni animaliste si sono opposte riuscendo a farli considerare legalmente “persone” con propri diritti negli Stati Uniti. È quanto emerge dall’ordinanza di un tribunale federale Usa. Il caso riguarda una causa contro il governo colombiano circa l’opportunità di abbattere o sterilizzare gli ippopotami. Gli animalisti esultano e considerano la decisione come una vittoria fondamentale nella lunga battaglia affinché il sistema giudiziario degli Stati Uniti conceda agli animali questo status. L’ordinanza tuttavia non avrà alcun peso in Colombia, dove gli ippopotami vivono.
Questa è comunque la prima volta che un animale viene riconosciuto come “persona” in un tribunale degli Stati Uniti.
Categorie: News dal Mondo