Il portale dedicato
al mondo degli animali
Online
dal 2010

Patrocinato 
dall’Ente 
Nazionale 

Protezione 
Animali 

Con il patrocinio di ENPA

Gaza, anche gli animali tra le vittime dei bombardamenti. Enpa: ancora problematici salvataggi e aiuti.

13/11/2023

ui social il passa parola per sostenere le organizzazioni animaliste
Le immagini di morte e devastazione nei territori di Gaza ci arrivano da tutti i media e colpiscono al cuore: anziani, bambìni e donne sono i i più fragili e indifesi. I soccorritori e le associazioni umanitarie sono impegnati senza sosta a portare aiuto e salvare vite senza sosta e tra loro anche chi non dimenticaCaring for Gaza's stray cats 'with all the money we had left' | Middle East  Eye gli animali . E’ difficile operare in paese devastato ma i volontari non trascurano gli animali domestici travolti dai bombardamenti, feriti oppure soli a vagare per le strade senza più casa e famiglia. le organizzazioni animaliste straniere non posso agire sul posto, l’unica da sempre molto efficiente la Sulala Animal Rescue unico salvataggio per gli animali nella Striscia di Gaza. Sulla sua pagina Facebook, documenta il lavoro per portare cibo agli animali o trarre in salvo cani e gatti. Nonostante la difficile situazione si recano nella parte Nord di Gaza tra le macerie e riescono ad individuare e a trarre in salvo gli animali portandoli a Nuseirat, sotto la linea di evacuazione. L’organizzazione ha anche fornito il cibo necessario per il sostentamento dei cani ai proprietari in difficoltà. Sulala Animal Rescue, unico rifugio per animali a Gaza, sta cercando disperatamente di salvaguardare i suoi residenti, compresi moltiPalestine's first animal welfare charity faces challenges from the  occupation and Covid-19 – Middle East Monitor animali disabili mutilati dalla guerra.

L’unico rifugio per animali di Gaza combatte per proteggere centinaia di cani durante la guerra
Prendendosi cura di oltre 400 cani e 130 gatti all’interno del suo rifugio e delle sue case affidatarie, e di innumerevoli altri per strada, la dedizione del rifugio è evidente. Attualmente, le immagini strazianti del fumo dei bombardamenti, insieme alle esplosioni assordanti, sono fin troppo presenti dalla posizione del rifugio, facendo precipitare gli animali residenti in una paura implacabile.
Quando è arrivata la direttiva per i residenti di Gaza di evacuare l’incredibile cifra di 1 milione di persone nell’arco di un giorno, la squadra del rifugio è entrata coraggiosamente in azione. Di fronte a un pericolo immenso, hanno assicurato che sia gli animali domestici che i loro proprietari fossero portati in salvo.Pet rescue in Gaza: one man's mission to care for abandoned animals |  Global development | The Guardian Nonostante le minacce incombenti, i soccorritori impegnati rimangono imperterriti, fermi nella loro missione di proteggere gli animali dalle conseguenze devastanti della guerra. tanti gli animali paralizzati o privi degli arti per le bombe.
Ma anche le associazioni italiane, pur non potendo intervenire sul posto, sono in attività. pronte ad intervenire appena possibile.
Abbiamo già pronti aiuti, farmaci, mangime, alimenti che possono servire per gli animali e più in generale per le famiglie che hanno animali“. Ha dichiarato a LaPresse Giusy D’Angelo , una delle amministratrici dell’Enpa, a proposito degli aiuti destinati agli animali coinvolti nel conflitto tra Israele e Hamas, soprattutto a Gaza. “Al momento la possibilità di inviarli non dipende da noi, la Striscia di Gaza è inaccessibile. Normalmente ci appoggiamo ad hub locali come la Croce Rossa, appena possibile saranno inviati”, aggiunge la D’Angelo, forte delle sue precedenti esperienze al confine ucraino.

“NelAnimali e no - Comune-info caso del Medioriente, come in tutte le guerre, bisogna distinguere tra gli animali da reddito, prevalentemente capre e pecore, e i ‘pet,’ – spiega a LaPresse – gli animali da compagnia. I primi in questi casi vanno in panico, nella fuga diventano anche pericolosi e possono travolgere le persone o andare a schiantarsi da soli. Per quanto riguarda invece i cani o i gatti, spesso cercano riparo – spiega ancora – Ma sono più compassionevoli, si prendono cura delle proprie famiglie”. In rete ci sono infatti diversi video che mostrano cani o gatti vegliare le vittime di alcuni attacchi nella Striscia di Gaza, o accompagnare alcuni sfollati.
L’esperta cinofila spiega che nel caso del Medioriente al momento non è possibile pensare a dei centri di accoglienza per gli animali: “Siamo ancora nella fase di raccolta, anche di informazioni, da persone sul campo. Ma siamo pronti ad aiutare


Categorie: Mondo animale, News dal Mondo