Il gatto nero è forse la creatura più amata e più odiata del pianeta. Nel corso della storia è stato ora Dio supremo ora demone, ora amico e modello nelleLa giornata nazionale del gatto con 10 opere | Artribune soffitte degli artisti, ora compagno di meditazione di scrittori, monaci e poeti. Vittima della più bieca superstizione, ma anche protagonista di leggende misteriose e affascinanti. L’Incontro con lui ha segnato la vita e le opere di scrittori, poeti e pittori

Vieni, mio bel gatto, sul mio cuore innamorato;
ritira le unghie nelle zampe,
lasciami sprofondare nei tuoi begli occhi
in cui l’agata si mescola al metallo.
Quando le mie dita carezzano a piacere
la tua testa e il tuo dorso elastico
e la mia mano s’inebria del piacere
di palpare il tuo corpo elettrizzato,
vedo nello spirito la mia donna. Il suo sguardo,
Come il tuo, amabile bestia,
Profondo e freddo, taglia e fende come un dardo
e dai piedi alla testa
un’aria sottile, un temibile profumo
Ondeggiano attorno al suo corpo bruno.

                                                       “Le chat” di Charles Baudelaire

 

 

Categorie: Animali e Cultura