Il portale dedicato
al mondo degli animali
Online
dal 2010

Patrocinato 
dall’Ente 
Nazionale 

Protezione 
Animali 

Con il patrocinio di ENPA

Ettore, bouledogue francese maltrattato, salvato dall’Enpa di Roma. Veniva picchiato abitualmente e aveva una massa di quasi 7 chili

06/04/2023

Maltrattato, picchiato, umiliato e lasciato con a sé stesso con una milza degenerativa di quasi sette chili. Protagonista di questa brutta storia di crudeltà e maltrattamento è un bouledogue francese di 6 anni di nome Ettore. I suoi proprietari sono stati arrestati a Roma e così lui rimane solo. L’Enpa di Roma riceve una segnalazione e quando si reca sul postoIN AFFIDO Matr. 469/16 Bouledogue francese bianco nero femmina trovata nel Comune di Santa Susanna (Rieti) | IoLibero ricostruisce in breve tempo la sua storia di maltrattamenti e dolore. “Quando abbiamo trovato Ettore – racconta Maurilia Amoroso dell’Enpa di Roma – abbiamo subito capito la situazione. Era magrissimo, denutrito, unghie lunghissime e un enorme bozzo allo stomaco che inizialmente pensavamo fosse un tumore. Abbiamo scoperto che non usciva mai, era recluso da anni dentro l’appartamento dove gli portavano il cibo una volta al giorno. Veniva picchiato, preso a calci regolarmente e infatti non si lasciava accarezzare o prendere in braccio perché mordeva. Lo abbiamo fatto operare immediatamente e abbiamo scoperto ch si trattava di una milza degenerativa di 6 chili e 800 grammi, praticamente la metà del suo peso. Se fosse rimasto anche solo un altro mese in quella situazione non ce l’avrebbe fatta”.
Ettore si è ripreso molto bene dopo l’operazione ed è ha seguito un percorso con un educatore cinofilo dell’associazione Wolf island di Fiumicino. Ora sta bene, è sereno e in salute e l’Enpa di Roma sta cercando per lui un’adozione speciale che possa fargli scoprire cosa significhi far parte di una famiglia ed essere amato. “E’ un animale che ha vissuto un vero trauma – spiega Maurilia Amoroso – e che ha conosciuto il lato peggiore dell’uomo, parte del suo disagio probabilmente era dovuto anche al dolore della milza ingrossata che abbiamo fatto asportare ma serve comunque un’adozione consapevole, persone che oltre a donargli amore siano in grado di avere pazienza e di rispettare i suoi tempi e il suo carattere”.


Categorie: Cani, Storie del cuore