Accoltella la moglie dopo una lite per il gatto. E’ accaduto ad Ostiano, nel Cremonese dove un operaio 55enne, originario di Messina, ha vibrato cinque fendenti all’indirizzo della donna, 52 anni, ora ricoverata in prognosi riservata all’ospedale della città del Torrazzo. 
Il motivo all’origine dell’aggressione sarebbe un diverbio per l’affidamento di un gattino. Cinque coltellate con un coltello da bistecca all’addome e al collo. La donna è stata ricoverata all’ospedale Maggiore di Cremona ed è in prognosi riservata. I fatti risalgono a qualche giorno fa, ma se n’è appreso solamente ora. L’uomo dovrà rispondere di tentato omicidio.
Proprio Marino ha chiamato i carabinieri dicendo: «Ho pugnalato mia moglie». Quando la pattuglia è arrivata, ha trovato sull’uscio di casa Marino, con macchie di sangue sulCome affrontare la prima notte insieme al gattino | DeAbyDay braccialetto e sull’orologio. Ribadiva d’aver colpito la moglie con un coltello. La donna era sul letto e subito si è colta la gravità della situazione. Portata in ospedale è stata operata ed è in prognosi riservata.
C’era quindi quel gatto da affidare che ha originato la discussione. La donna sembrerebbe volesse accogliere in casa un micino trovatello, l’uomo, contrariamente alla moglie, non voleva tenere l’animale in casa. La discussione è degenerata anche perchè entrambi, come dichiarato dal l’uomo “avevano bevuto”.
Marito e moglie arrivano da un percorso di recupero in comunità: «per andare d’accordo non servono le stesse idee, serve lo stesso rispetto», è una delle tante frasi scritte su Facebook dalla donna, una grande passione per i gatti come dimostrano le tante immagini sul suo profilo.
Per il gatto questa coppia non sarebbe stata la famiglia migliore periamo in una nuova occasione.

 

 

Categorie: News