Il portale dedicato
al mondo degli animali
Online
dal 2010

Patrocinato 
dall’Ente 
Nazionale 

Protezione 
Animali 

Con il patrocinio di ENPA

Cani

Condannato perchè il suo cane abbaia giorno e notte. Il giudice: "Il rispetto per gli animali non può prescindere dal rispetto dell’uomo e delle sue esigenze”

16/11/2023

Sebbene nel 2006 un giudice di pace abbia sancito il diritto esistenziale dei cani ad abbaiare,
respingendo il ricorso di un uomo esasperato dal continuo abbaiare dei cani dei vicini, il Tribunale diCani e disturbo della quiete pubblica: cosa dice la legge? - Ti presento il  cane Castrovillari, in composizione monocratica, ha emesso una sentenza avversa.
La situazione è molto simile: un uomo, a Castrovillari, fortemente infastidito dal continuo abbaiare, anche di notte, del pastore tedesco del vicino, ha presentato una querela per “disturbo della quiete pubblica”. Ed è proprio questo il reato per il quale il proprietario dell’animale é stato condannato a pagare un’ammenda di trecento euro e le spese processuali. La situazione andava avanti dal 2018. I ripetuti inviti rivolti al proprietario del cane dal vicino di casa a spostare l’animale, a causa del disturbo che provocava, sono sempre caduti nel vuoto. Tanto da costringere l’uomo denunciante a presentare una querela ed aI DIRITTI DI CANI, GATTI E DEGLI ALTRI ANIMALI | PLEINAIRCLUB costituirsi quale persona offesa nel processo che ne é scaturito e che si é concluso con la condanna. Il Tribunale inoltre, ha negato al proprietario del cane le circostanze attenuanti “attesa – è detto nella sentenza – la pervicace negazione del fatto e il conseguente dispendio processuale, anche a fronte di plurimi e concordi elementi di prova a carico in considerazione del prolungato fastidio arrecato alla persona offesa e all’assenza di qualsivoglia segnale di resipiscenza proveniente dall’imputato”. Nella sentenza il giudice sottolinea, in particolare, il fatto che “il rispetto per gli animali non può prescindere dal rispetto dell’uomo e delle sue esigenze” L’avvocato Faillace, tra l’altro, ha rinunciato a costituirsi parte civile e, quindi, a qualsiasi pretesa risarcitoria.


Categorie: Cani, News dal Mondo