Il portale dedicato
al mondo degli animali
Online
dal 2010

Patrocinato 
dall’Ente 
Nazionale 

Protezione 
Animali 

Con il patrocinio di ENPA

Cani

Come aiutare il nostro cane a controllare un abbaiare troppo insistente

28/03/2024

Il dr. Nicholas Dodman, esperto di comportamento veterinario, fondatore della Animal Behavior Clinic presso la Tufts University School of Veterinary Medicine, usa spesso nei suoi scritti la frase “Se non ti piace un cane che abbaia, prendi un gatto” per sottolineare che in un cane l’abbaiare è un’comportamento molto normale, naturale del cane ma può diventare piuttosto fastidioso e problematico,squisito Sindaco persuasivo cane da cancello sua chiaro Luna soprattutto nei rapporti con il vicinato ma anche con la quiete familiare.
Premesso che i cani abbaiano per comunicare, lo fanno in modo diverso a seconda delle occasioni, cerchiamo di capire di cosa vuole informarci il nostro cane a seconda dei diversi abbaii:

 Abbaiare per salutare – Se il tuo cane mostra eccitazione quando incontra altre persone o cani, il suo corpo è rilassato e scodinzola, l’abbaiare che fa in quei momenti è il suo modo di dare un saluto.
Abbaiare per angoscia – Se il tuo cane abbaia a quello che sembra tutto – ogni movimento o ogni rumore che non si aspetta – sta abbaiando per angoscia. Probabilmente il suo corpo viene tenuto rigido durante questa attività e potrebbe saltare un po’ in avanti ad ogni abbaio.
Abbaiare territoriale: il tuo cane considera la tua casa, il cortile, la macchina, il suo percorso a piedi e altri luoghi in cui trascorre molto tempo, il suo territorio. Se il tuo cane abbaia continuamente quando una persona o un altro animale si avvicina al suo territorio, significa che un estraneo sta invadendo il suo territorio.
Guardami mentre abbaio: alcuni cani abbaiano semplicemente per attirare l’attenzione, la nostra o di un altro animale. Il cane potrebbe anche abbaiare nella speranza di ricevere cibo, un dolcetto o un po’ di tempo per giocare. Più ricompensiamo il suo comportamento dandogli ciò che cerca, più è probabile che continui ad abbaiare per attirare l’attenzione.
Abbaiare in comune: se il tuo cane risponde quando sente altri cani abbaiare, è una cosa sociale. Sente l’abbaiare dei cani vicini, o anche dei cani a una certa distanza, e risponde a tono. Questo tipo di abbaiare sociale si sente spesso nei rifugi per animali e nelle pensioni.
Abbaiare ossessivo: se il tuo cane abbaia ripetutamente, magari mentre esegue un movimento ripetitivo come correre avanti e indietro lungo la recinzione del tuo giardino, sta dimostrando un po’ di ossessione. Potresti provare a trovare uno sbocco migliore per la sua energia, come una passeggiata o un gioco di recupero.
Fammi uscire di qui abbaiando – Se il tuo cane è dietro una recinzione e un altro cane passa davanti, potrebbe abbaiare eccessivamente per segnalare la sua frustrazione di non poter salutare il suo amico là fuori. Questo tipo di abbaiare si osserva solitamente nei cani confinati o legati per limitarne i movimenti.
Da questo elenco emergono alcuni tipi di abbaiare (ad esempio abbaiare ossessivo e “lasciami uscire di qui”) che richiedonoCane che piange: chi chiamare? cambiamenti nell’ambiente o nello stile di vita per aiutarci a calmare il nostro cane e a ridurre o eliminare il suo bisogno di abbaiare. E poi ci sono le cortecce che non hanno alcuno scopo reale e richiedono un intervento.
“L’idea non è impedire al cane di abbaiare, perché abbaiare è un comportamento naturale e un mezzo di comunicazione per i cani”, afferma Dodman, “ma piuttosto addestrare il cane a smettere di abbaiare al momento giusto”.
Questo addestramento sarà più semplice se iniziato con un cucciolo, ma può essere fatto anche con cani più anziani. Ovviamente, se il nostro cane è ancora un cucciolo, dovremo prima cercare di ignorare i suoi guaiti per non rinforzare il comportamento e solo quando diventeranno più forti e fastidiosi porci riparo.
Come sottolinea Dodman, “Non punisci l’abbaiare, premi il silenzio“. È un approccio elegantemente semplice, ma molte persone trascurano. 
” Esistono molti modi benigni per addestrare un cane a non abbaiare”,  scrive Dodman. “La maggior parte di essi implica l’utilizzo di un comando vocale, come “Non abbaiare!”. Alcuni di essi richiedono semplicemente pazienza, in cui aspetti finché il cane non smette di abbaiare e poi lo ricompensi con qualche bocconcino molto appetitoso…”
Se riusciamo a mantenere una linea coerente in risposta all’abbaiare del cane, questo inizierà a ridurre la durata dell’abbaiare. Potremmo riuscire ad accelerare un po’ il processo facendo seguire immediatamente al nostro comando verbale di smettere di abbaiare con parole che indicano che è imminente un dolcetto in cambio del suo silenzio. Quando inizia ad abbaiare, si dici “Non abbaio”, seguito immediatamente da “Vuoi un dolcetto?” Riduciamo gradualmente il numero di dolcetti premiandolo sempre con lodi verbali e coccole.
Dodman riconosce anche che alcuni cani potrebbero richiedere un rinforzo negativo (che non equivale a una punizione) attraverso l’uso di una cavezza con guinzaglio da addestramento. Quando il tuo cane abbaia, applica tensione al guinzaglio da addestramento per ricordargli che non approvi il comportamento. La ricompensa per il suo silenzio è l’allentamento della tensione al comando. Snack per cani diabetici - I nostri preferiti - Adoro la veterinaria
“La maggior parte dei proprietari commette l’errore di pensare di dover castigare o punire in altro modo il proprio cucciolo per aver abbaiato, ma il trambusto e l’angoscia che questo provoca fa ben poco per migliorare la situazione”,  scrive Dodman. “In effetti, urlando a un cane che sta abbaiando può sembrare che anche tu stia abbaiando.”
Se i rumori forti suscitano l’abbaiare del nostro cane, un rifugio tutto su da cui può entrare e uscire a piacimento, insieme a musica rilassante o una televisione accesa in sottofondo può aiutare.
Se abbaia per noia, aumentiamo il suo esercizio e il tempo di gioco, portalo a fare passeggiate, al parco per cani o trova altre attività che gli diano sia l’attività fisica che la stimolazione mentale di cui tutti i cani hanno bisogno per essere individui ben equilibrati. Il modo migliore per creare un cane tranquillo è esaurirlo con l’esercizio.
I cambiamenti nella routine e nell’ambiente possono causare stress al cane, quindi, per quanto possibile, atteniamoci ad un programma quotidiano coerente su cui può contare. Se i risultati tardano si può anche considerare il supporto di uno  specialista del comportamento animale sulla desensibilizzazione e sugli esercizi di controcondizionamento per un animale domestico stressato. Anche la socializzazione permanente e l’addestramento positivo sono essenziali per il benessere mentale ed emotivo del nostro cane.


Categorie: Cani, Cura ed Educazione