Un cacciatore residente in Val d’Arbia è stato denunciato per il reato di uccisione di animale, per aver cagionato la morte del proprio cane da ferma con colpi di arma da fuoco, dissimulandone la morte per cause naturali.
A condurre le indagini sul vergognoso episodio i Forestali  di Rapolano Terme e del Nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare eUna lancia spezzata a favore dei cacciatori (e non della caccia) - Ti presento il cane forestale di Siena che hanno formulato la denuncia.
I fatti risalgono verso la fine del mese di ottobre quando, a seguito della segnalazione di un cittadino, i militari sono intervenuti, durante le ore notturne, in un’area boschiva in Comune Asciano, dove hanno rinvenuto il cadavere di un cane da caccia, verosimilmente abbattuto con colpi di arma da fuoco;lo stesso presentava, infatti, marcate ferite concentrate nelle regioni alte del corpo, dove solitamente viene inoculato il “microchip” per l’identificazione in anagrafe canina. Sul posto sono stati rinvenuti elementi utili al fine di addivenire all’identificazione del responsabile.
Nei giorni scorsi, infatti, è durante una perquisizione perquisizione sono stati posti sotto sequestro 3 fucili di calibro compatibile con i bossoli di cartucce rinvenuti nel luogo dell’uccisione del cane e di una pistola non regolarmente denunciata.
Inoltre i Carabinieri Forestali hanno provveduto al ritiro preventivo e cautelativo ai sensi del Tulps di 7 fucili, di oltre 2.000 cartucce ed altro materiale esplodente, informando la prefettura e la questura di Siena per le determinazioni del caso.
Al dolore per la morte del cane si aggiunge la consapevolezza che non è stato un episodio isolato, ma si tratta di un fenomeno molto diffuso. Purtroppo si tratta di un fenomeno molto diffuso. Ci sono cacciatori che preferiscono uccidere il cane quando non gli serve più. Questa volta il cacciatore è stato scoperto, ma ce ne sono tanti altri che fanno in questa maniera, ma è un fenomeno troppo sottaciuto.Crocchette per cani da caccia - Crocchette per Allevatori - Uso Professionale 20kg
Non lo fanno tutti ovviamente, ma moltissimi cacciatori che non hanno più bisogno del loro cane o lo abbandonano, togliendogli magari il microchip, oppure gli sparano. Si risparmia sul mantenimento fino alla prossima stagione……
Non per tutti è così, il cacciatore e il suo cane sanno anche creare un legame indissolubile come è normale che sia

Categorie: News