Un corpo senza vita è stato ritrovato dai rangers del Parco di Kruger durante l’inseguimento di alcuni bracconieri. L’uomo, anche lui un sospetto bracconiere è stato calpestato a morte da elefanti, come dichiarato da un funzionario del famoso parco nazionale.
Nei loro controlli di routine, le guardie forestali hanno avvistato tre bracconieri che si imbattevano in un branco di elefanti mentre provavano a scappare. Le guardie forestali hanno più tardi scoperto un uomo “pesantemente calpestato” e morto per le ferite, secondo Isaac Phaahla, portavoce dei parchi nazionali sudafricani (SANParks). Anche un altro uomo è stato attaccato ma è riuscito a scappare, mentre un terzo è stato arrestato.
Le guardie hanno trovato un fucile e un’ascia, ha affermato Phaahla. I bracconieri, parte di un’organizzazione di traffico internazionale, aprono il fuoco sui rinoceronti per mozzare loro il corno, molto richiesto in Asia per il suo impiego nella medicina tradizionale o come presunto afrodisiaco. Il Sudafrica, che ospita circa l’80 per cento della popolazione mondiale di rinoceronti, è considerata il paradiso per i bracconieri, con molte uccisioni concentrate nel parco di Kruger, anche se il fenomeno è in flessione da sei anni.
Nel 2020, il bilancio dei rinoceronti uccisi ha raggiunto le 394 unità, con un calo di un terzo sull’anno precedente, secondo i dati governativi. Nonostante questo, Phaahla ha dichiarato all’Afp che le incursioni dei bracconieri non sono diminuite e possono raggiungere il numero di 40 al giorno. ANSA-AFP.

Categorie: News dal Mondo