L’Ente Nazionale Protezione Animali organizza oggi, venerdì 3 dicembre, presso l’auditorium Scipio Sighele a Riva del Garda una serata per approfondire il tema delle adozioni dei cani del Sud e promuovere adozioni consapevoli con la relatrice Giusy D’Angelo, esperta cinofila e membro della Giunta Esecutiva Enpa.
Il fenomeno del randagismo è un problema che interessa maggiormente il Sud Italia ma coinvolge in maniera indiretta anche l’Alto Garda. Come? Sono tante le persone in Trentino che adottano cani e spesso lo fanno tramite internet o i social network, dove si trovano migliaia di annunci di cani in adozione dal Sud Italia. Basta una telefonata, una email, la compilazione di un questionario, la visita di un volontario per il preaffido, e il gioco è fatto. Purtroppo, però, questo può causare non pochi problemi perché spesso non si tiene conto del carattere del cane, della compatibilità con la famiglia adottante e di quello che comporta il lungo viaggio che questi cani devono affrontare. Una volta arrivati qui possono quindi verificarsi problemi di convivenza e di gestione. I cani possono mostrare difficoltà di adattamento e i proprietari si ritrovano impotenti di fronte a situazioni che non sanno come affrontare. Ecco quindi da dove nasce l’esigenza di approfondire “Le adozioni dei cani del Sud”, con la speranza di incrementare adozioni più consapevoli e responsabili.C.S.V.S. - Centro Servizi Volontariato Salento
L’appuntamento è per venerdì 3 dicembre alle 20:30 all’auditorium Scipio Sighele a Riva del Garda. L’ingresso è libero con obbligo di mascherina indossata e green pass, gli amici a quattro zampe non sono ammessi in sala. La relatrice è Giusy D’Angelo, già docente alla Facoltà di medicina veterinaria dell’Università statale di Pisa nel master in istruzione cinofila, oggi tra i massimi esperti in comunicazione, valutazione e riabilitazione del cane, docente dei corsi per educatori cinofili dell’Enpa, di cui è membro della Giunta Esecutiva.