Cinghiale ucciso in citta’ ad Arezzo, con una battuta di caccia autorizzata, protesta della  Lega antivivisezione che propone altri metodi di contenimento.
Il cinghiale, avvistato in strada nella zona di via Tarlati in prossimita’ del centro storico, e’ stato abbattuto da una squadra di ben 22 cacciatori autorizzati. Sull’abbattimento e’ intervenuta la Lega Antivivisezionista ribadendo il netto
diniego verso la caccia per ridurre il numero degli animali.  
“I problemi che creano lo squilibrio – si spiega in una nota –  vengono da lontano e non dipendono dai cinghiali ma sono dovuti a immissioni di animali dall’estero, incroci che danno vita a razze ibride piu’ prolifiche, foraggiamenti, pressione venatoria eccessiva”. L’associazione suggerisce altri rimedi quali sterilizzazione, uso di barriere repellenti, un censimento serio per contare in maniera precisa i capi presenti.

Categorie: News dal Mondo