Chi, questi giorni di isolamento, ha la fortuna di dividerli con un gatto, sappia che le coccole faranno felice il nostro micio e per noi saranno una vera terapia per contrastare i problemi cardiaci. Che la presenza di un gatto in casa riduca i rischi di infarto, torna a sottolinearlo meteoweek.com. Una ricerca scientifica ha dimostrato che coccolare il proprio gatto, ascoltare le sue fusa, rilascia ossitocina, il cosiddetto ormone della felicità. Questo ormone abbassa i livelli di stress migliorando la circolazione sanguigna e la pressione arteriosa. Proprio per questo motivo la Fondazione Iseni ed il Centro Cuore Malpensa lanceranno una campagna affinchè i gatti abbandonati vengano adottati dai pazienti con problemi cardiaci.
I gatti fanno bene al cuore perché riducono i livelli di stress abbassando il rischio di morte per le persone che soffrono di patologie cardiache. Sono diversi gli studi scientifici che nel corso del tempo hanno dimostrato che la vicinanza dei felini, migliora l’umore con conseguente aumento delle difese immunitarie come il Pet ownership and cardiovascular risk.
Gli esperti hanno dimostrato che la vicinanza dei felini migliora la vita. Accarezzare il pelo morbido del proprio gatto, rilassarsi con il suono delle fusa, giocare con lui, sono tutte attività che rilassano, allontanano ansia, depressione, stress.
Tutto ciò comporta una drastica diminuzione del cortisolo, ormone dello stress, permettendo ai pazienti con patologie cardiache di avere una prospettiva di vita più lunga.
Attraverso la pet therapy con il gatto si possono avere molteplici benefici. La vita può migliorare perché si riscontra un aumento dall’autostima, un miglioramento delle relazioni sociali, con conseguente diminuzione di fenomeni ansiosi e depressivi.
Unica controindicazione potrebbe essere l’allergia al pelo! Assicuratevi di non soffrirne prima di interagire con un felino! Il gatto è un animale nobile, indomito, selvaggio, indipendente ma è un vero amico per l’essere umano, per la psiche e per il corpo lo dimostrano, finalmente studi scientifici!

Categorie: Curiosità