Una 61enne di Galluccio (Ce) è stata deferita in stato di libertà per detenzione di animali selvatici e di razza protetta dai Carabinieri della Stazione di Mignano Montelungo unitamente ai colleghi della Stazione Carabinieri Forestali di Roccamonfina. La donna è stata trovata in possesso di una volpe che ospitava in casa come animale da compagnia. L’animale selvatico è stato reimmesso in libertà.
Sono più di quante possiamo immaginare le persone che pianificano di prendere una volpe domestica, ma non è esattamente una buona scelta.
z<Sottrarre un animale selvatico dal proprio habitat naturale, in questo caso una volpe, non è una scelta saggia. L’azione di portare via una creatura dalla natura può essere giusta solo nel caso in cui lo si faccia per salvare un essere vivente che è in evidente stato di pericolo. E anche in questo caso, la cosa migliore da fare sarebbe consegnarla a un centro di recupero degli animali selvatici, piuttosto che prenderla e provare ad allevarla in casa.
Le volpi sono animali intelligenti e affascinanti ma la loro domesticazione è problematica perché non solo hanno un un forte odore di selvatico ma insopportabile è il tanfo che sprigionano i cadaveri delle loro prede nascoste per mangiarle tranquillamente in seguito (topi, uccelli, ecc). Senza contare le deiezioni lasciate in giro per segnare il territorio. Le volpi in ambito domestico porterebbero con sé altri problemi, ad esempio l’incompatibilità con altri animali da compagnia soprattutto se di taglia inferiore, come ad esempio i gatti o i cani di piccole dimensioni che per lei saranno sempre prede.
Se tutto questo non basta, pensate alla qualità della vita di questo animale. Amato certo, ma non sarà mai come in libertà.

Categorie: News dal Mondo