Si è conclusa alle 19 di domenica la due giorni di Expo felìna nel cuore di piazza Brà a Verona, là dove tutto iniziò nel 1978. I pavimenti e le strutture di gran parte del complesso asburgico sono tutt’ora ricolmi di vibrìsse e profumi lasciati dagli oltre 400 mici venuti da ogni parte d’Italia e non solo.
L’edizione 2018 de “I Gatti più belli del mondo” si è caratterizzata per le sue grandi conferme in termini di affetto e di pubblico ma si è voluta rinnovare e, letteralmente, superare; con la presenza di 70 persiani, la rassegna veronese ha lanciato un segnale forte al comparto Expo su scala mondiale. Le fiere più grandi, in questo senso, possono vantare appena 100 esemplari persiani.
Quattro i giudici ufficiali di gara che hanno provveduto all’analisi, alla scelta e alla proclamazione dei mici vincenti per ogni ring e categoria.
Al termine delle due giornate di garecelebrazioni è stato riservato un riconoscimento inedito e molto particolare al gatto che, nel complesso, si è distinto in termini di risultati e piazzamenti misurati su entrambe le giornate della rassegna. Il vincitore è stato Sweetmarale’s Baby Doll, un gatto persiano veramente magnifico. Al proprietario è stata riconosciuta una piccola coppa in argento.
Anche quest’anno i Maine Coon si sono guadagnati il titolo di gatti più “massicci”, con stupendi esemplari che hanno superato i 10kg di peso. Fra i vincitori, record di età per una micia sterilizzata di 10 anni proveniente da un allevamento di Trieste. (veronasera)

 

 

 

Categorie: Uncategorized