I gatti non si adattano, è il mondo che deve adeguarsi a loro ed è quanto successo sul set di Captain Marvel: le riprese hanno dovuto assecondare le necessità dei felini  (spaventati dagli Skrull!)
La notizia diffusa su mondofox.it  lo dimostra chiaramente.
“Lavorare con gli animali sul set di un film non deve essere affatto facile, e quando arrivano gli Skrull le cose si possono complicare!
Uno dei protagonisti – dentro e fuori dal set – del film Captain Marvel è senza dubbio Goose. Il gatto ha conquistato tutti, recitando bene la sua parte e avendo un ruolo importante nella storia. Ma come si fa a lavorare con degli animali sul set?
Oltre alle tradizionali difficoltà che si possono immaginare, come quella di far fare qualcosa di specifico a un animale, in Captain Marvel c’era un altro problema: i gatti erano intimoriti dagli Skrull!
Ne ha parlato, al sito americano Vulture, l’addestratrice di animali professionista Ursula Brauner. Quest’ultima, che aveva già lavorato con Disney a film come Pirati dei Caraibi, ha rivelato che la parte di Goose è stata interpretata da 4 gatti: Archie, Rizzo, Gonzo e Reggie. Quest’ultimo è quello che ha avuto più scene e soprattutto le più importanti, anche quella con lo Skrull interpretato da Ben Mendelsohn.
È stata una delle nostre sfide, perché [gli Skrull] sembrano molto diversi dalle persone. Ben Mendelsohn [che interpreta lo Skrull Talos] è stato straordinario nel familiarizzare con i gatti, facendoli abituare al costume e al trucco. Ha mostrato loro come il suo personaggio si doveva muovere e comportare sul set ed è stato davvero fantastico a tal punto da piacere ai gatti.
Ricordo che eravamo sul set del quad-jet [una delle astronavi del film] in uno spazio molto ristretto e Ben non aveva l’aspetto di un essere umano in costume [evidentemente aveva un vero aspetto da Skrull n.d.R.]. Reggie era un po’ distratto. [I registi Anna Boden e Ryan Fleck] hanno detto: ‘Fermiamo quello che stiamo facendo e mettiamo a suo agio il gatto’.
Ursula Brauner racconta che a quel punto c’erano il gatto Reggie e Ben Mendelsohn seduti su delle sedie poste una accanto all’altra. La stessa Brauner, i registi e l’attore hanno aspettato finché il gatto non decidesse, di sua volontà, di andare da Ben. Quando lo fece capì che quello era un uomo normale in costume.
A quanto pare, l’attrice protagonista del film è allergica ai gatti! Questo ha causato non pochi problemi sul set.
Non sarà stato facile lavorare con dei gatti sul set ma sembra ne sia valsa la pena”.