Erano la gioia di centinaia di bambini che, ogni pomeriggio, si divertivano a gettare i pezzetti di pane per vederle arrivare di corsa. Al laghetto dell’Eur, però, da qualche giorno il numero di paperelle è diminuito sensibilmente. Ce ne sono meno della metà.
Dove siano finite è un mistero. Anche se i frequentatori più assidui hanno sospetti più che fondati. Ci sarebbero degli sbandati che la notte si aggirerebbero nei pressi del pontile, dove stanziava la colonia maggiore di anatroccoli e papere. E qui, molte mattine, abbiamo ritrovato delle piume». Un allarme che è scoppiato via social dei comitati di quartiere che ha avuto una vera e propria cassa di risonanza.Ecco allora che dalle denunce si è passati ai fatti. Con ronde notturne per cercare di incastrare i cacciatori di frodo: «Sicuramente si tratta di sbandati – spiega un residente, che vive a ridosso del Laghetto – ma non si può continuare così.  Per questo di sera, noi proprietari dei cani, siamo sempre in prima linea per avvistare eventuali situazioni a rischio. Un tempo c’era anche chi pescava, nonostante i divieti. Ora con l’uccisione delle papere siamo arrivati al limite. Serve più sorveglianza, specialmente ora che l’associazione dei commercianti dell’Eur ha deciso di stanziare 500 euro per acquistare una quarantina di pennuti da posizionare nello specchio d’acqua. 
Gli animalisti sono pronti a sporgere denuncia contro ignoti

Categorie: Uncategorized