Dormiva in una legnaia da dieci anni, da quando la sua padrona si era trasferita in una casa per anziani. Ma il nuovo rifugio dev’essersi rivelato comodo per l’anziano gatto che al momento del trasloco forzato aveva già 23 anni. Merito anche degli abitanti di Tägerwilen (TG) che se ne prendevano cura quotidianamente portandogli cibo e coperte.
Il gelo delle ultime settimane è stato però toppo anche per Miez Maz, che è stato soppresso dopo che un passante, che nemmeno lo conosceva, credendo di far del bene, trovato al gelo l’aveva portato dal veterinario. Secondo il veterinario, l’anziano animale, aveva 33 anni, era in pessime condizioni a causa di un cancro all’orecchio, le unghie incarnite e i denti malconci: “Il gatto era veramente vecchissimo e non riusciva nemmeno più a reggersi in piedi”, si è giustificato Donat Inausen, il veterinario che ha preso la decisione di sopprimerlo.
Il popolo di internet però non è d’accordo, e ritiene il gesto una crudeltà sugli animali. Si sarebbe proceduto con superficialità e con eccessiva premura, il gatto era conosciuto e benvoluto da tutti, in zona, anche se vecchio era ancora indipendente, era solo intorpidito dal freddo. La polemica divampa.
L’età raggiunta dal vecchio felino è del tutto straordinaria – spiega Franck Fortaire, primario del Tierspital di Berna – ma il caso non è unico: “È molto raro ma è possibile”. Ci sarebbero addirittura dei gatti che hanno vissuto fino a 38 anni.

Fonte: www.express-news.it

Categorie: Curiosità