Il bene sta nei grandi cuori non necessariamente ricchi, anzi. Ce lo dimostra l’atto di coraggio di Keith Walker, clochard di 53 anni, che non ha esitato mettere in gioco la sua vita per mettere in salvo sei cani e dieci gatti rimasti intrappolati tra le fiamme che stavano avvolgendo il rifugio dove erano ospitati.
L’incendio scoppiato in una struttura di Atlanta avrebbe fatto una strage se non fosse sopraggiunto Keith che stava andando al rifugio per recuperare il suo pitbull di nome Bravo, ospitato ogni notte nella struttura, per portarlo a fare una passeggiata. Alla vista delle fiamme l’uomo, vincendo ogni esitazione, si è lanciato all’interno del rifugio per mettere in salvo gli animali.
“Ero molto nervoso, sarò sincero – racconta Walker alla CNN – avevo davvero paura di entrare lì dentro con tutto quel fumo. Dio però mi ha messo lì per salvare quegli animali”. Ha spiegato di aver sentito come un dovere quello di aiutare gli animali in trappola: “Se ami un cane – dichiara – puoi amare chiunque al mondo. Il mio cane è il mio migliore amico e non sarei qui senza di lui. Dovevo salvare anche gli altri”.
Spento l’incendio, il rifugio è apparso ormai inagibile. Fortunatamente mancava solo una settimana al trasferimento del rifugio in una nuova struttura di Atlanta, trasloco che è solo stato anticipato per cani e gatti. Keith si è allontanato soddisfatto con il suo pitbull Bravo.

 

 

Categorie: News dal Mondo