Dopo essere stato usato per controllare il rispetto del distanziamento sociale nei parchi di Singapore in tempo di Convid-19, Spot, il robot di Boston Dynamics dalle fattezze di cane, torna protagonista in Nuova Zelanda. La sua nuova mansione è il pastore di pecore, vere e non elettriche, come testimonia un video pubblicato da Rocos, azienda impegnata nello sviluppo di piattaforme cloud dedicata al controllo dei robot.
Uno degli scenari di impiego di un gruppo di robot che agisce in maniera coordinata da remoto si svolge su verdi distese come quelle delle Nuova Zelanda ritratte nel filmato, ovvero l’agricoltura di precisione. Spot può effettuare rilevamenti per stimare come sarà il raccolto, affiancare o sostituire i lavoratori in carne ed ossa nello svolgimento di determinate attività, ad esempio tenere d’occhio le pecore al pascolo. Indubbiamente la creatura di Boston Dynamics ci mette del suo per adattarsi all’ambiente agricolo: il sistema di videocamere gli donano una visione a 360°, può muoversi in autonomia e affrontare terreni accidentati.
Rocos e Boston Dynamics non hanno precisato a che punto è la sperimentazione di questa ennesima dimostrazione della versatilità di Spot. L’accento per ora è posto sulla piattaforma che permetterà di controllare un branco di cani robot su aree più o meno vaste. Ci sono ancora tante domande su questo cane-robot che somiglia più ad una cavalletta gialla che ad un cane e quando ci incontra neppure scodinzola!!!

Categorie: News dal Mondo