La chiamano “runner’s high”, l’euforia che avvertono i corridori e gli atleti dopo una elevato e continuo esercizio fisico. Un nuovo studio statunitense ha adesso dimostrato che questa sensazione di entusiasmo post-attivita’ e’ condivisa dai cani. Gli amici a quattro zampe dopo una lunga corsa provano le stesse emozioni piacevoli dell’uomo. La ricerca e’ stata pubblicata sul Journal of Experimental Biology e condotta da un team di ricercatori dell’Universita’ dell’Arizona. La “runner’s high” avvertita da fido e’ causata dal rilascio di neurotrasmettitori nel sangue, tra i quali gli endocannabinoidi.
Si tratta di sostanze simili per la loro struttura chimica ai cannabinoidi THC, quelli responsabili dell’euforia derivante dall’assunzione di marijuana. Dai campioni di sangue prelevati dai cani dopo una corsa intensa sono emersi livelli elevati di endocannabinoidi. I ricercatori sottolineano che il “premio neurobiologico” e’ una caratteristica tipica degli animale dotati di gambe lunghe come parte cruciale della loro storia evolutiva. A conferma di questa teoria, il team ha cercato la presenza dello stesso meccanismo tra i furetti, animali in cui il rilascio dei neurotrasmettitori in relazione alla corsa e’ risultato assente. E i bassotti? 

Categorie: Curiosità