La stagione fredda è qui, con freddo pioggia e neve. Come per noi umani, questi fenomeni invernali possono essere pericolosi per i nostri animali, specialmente quelli abituati alla vita domestica ma non solo.
I proprietari dovranno avere particolari attenzioni e prendersi cura al meglio dei propri animali.
Cani e gatti possono sopportare meglio degli umani le basse temperature ma bene prendere dei piccoli accorgimenti per tutelarli nelle giornate più rigide. Non tutti i “quattro zampe”, infatti, sono temprati per i rigori del clima invernale, soprattutto le taglie più piccole e le razze a pelo corto che non hanno una massa corporea ideale a mantenere il calore. l’Enpa non fa mancare i suoi consigli per far affrontare agli animali domestici le temperature sotto lo zero, con un occhio anche per gli animali selvatici.

Attenzione alla neve
Si parte dagli animali domestici. Per prima cosa, è importante quando possibile tenerli in un luogo caldo e riparato dopo le passeggiate quotidiane, in particolare quelli a pelo raso, che possono aver bisogno di un cappottino. Quando notiamo che la temperatura corporea di cani e gatti è più alta o bassa del solito, è bene rivolgersi al veterinario, anche solo per precauzione. Meglio poi perdere qualche minuto in più, ma asciugare con cura tutto il corpo del cane, soprattutto orecchie e zampe, nel caso si bagni. E per quanto riguarda la permanenza su neve e ghiaccio durante le passeggiate, fate attenzione che se una presenza prolungata potrebbe causare principi di assideramento.

Idratazione e toelette
Controllate sempre che gli animali mangino e bevano a sufficienza in inverno. Come gli umani, cani e gatti bruciano un maggior numero di calorie con il freddo. La ciotola dell’acqua, se viene lasciata fuori, va cambiata frequentemente per evitare che il liquido si ghiacci. Come in estate, anche in inverno è fondamentale la toilette del cane e del gatto: spazzolando con costanza il loro pelo, si stimola la circolazione e si aiutano i cuccioli a proteggersi ancora meglio dal freddo.

Non dimentichiamo cani e gatti randagi
Per i randagi che sono in cerca di cibo e vivono nella nostra zona, ricordiamoci di mettere loro le ciotole del cibo secco e umido in una zona riparata. Infatti i croccantini con l’umidità rischiano di deteriorarsi, mentre la pappa umida potrebbe anche congelare, e i nostri amici felini affamati potrebbero mangiare del cibo che può fare loro male. Cambiare il cibo due volte al giorno e lasciare in luogo riparato anche la ciotola dell’acqua fresca (che di notte rischia regolarmente di gelare). Se vi va, lasciate aperta qualche finestra delle cantine o di locali dove non ci siano pericoli per i nostri amici a quattro zampe, magari con qualche coperta, in modo che possano ripararsi per la notte e combattere il freddo specialmente nelle notti più gelide.

 

Categorie: Curiosità