Siete dei gourmets impenitenti e per le Feste, in tavola, non vorreste rinunciare al fois gras ma al pensiero delle sevizie a cui vengono sottoposte le oche per ottenere questa delicatesse ci rinunciate? Ora c’è la soluzione che mette d’accordo la gola e la coscienza facendo felici anche le oche.
Si chiama “faux gras” (“finto grasso”) ed è un paté dal colore e dalla consistenza molto simili a quelle del foie gras, ma totalmente vegetale. Già lo scorso anno le vendite hanno fatto esaurire tutte le scorte tributando un grande successo a questa alternativa vegetale e soprattutto etica, al “fegato grasso”.
Il prodotto è stato lanciato dall’associazione belga animalista GAIA, distribuito nei negozi biologici della Francia e del Belgio e, nel solo Belgio, anche nella grande distribuzione, arrivando nei supermercati Carrefour e Lidl ma è reperibile in Italia anche su internet.
L’associazione per la protezione degli animali francese  L214 ha presentato una denuncia affermando che la maggior parte del “foie gras” venduto in Francia e’ illegale visto che gran parte dei produttori del celebre prodotto transalpino non rispettano le norme europee in materia, utilizzando – in particolare – gabbie individuali che impediscono alle oche di muoversi. Dalfoie_gras_oca1262645009_320x200 primo gennaio 2011, una raccomandazione europea stabilisce che gli animali in questione debbano poter “girarsi senza difficolta”, “battere le ali”, “interagire normalmente con altri animali”.
Possiamo scegliere il Faux Gras  non solo perchè è delizioso e preparato con ingredienti biologici esclusivi come champagne, tartufo e pregiata cannella, ma rappresenta una vera e propria forma di protesta contro l’allevamento di anatre e oche destinate ad una terribile morte.

Categorie: Curiosità