Sarà presentato oggi 27 Giugno alle ore 18 a Lagosanto (FE) il corso per l’istituzione del primo nucleo marittimo-fluviale delle Guardie Zoofile ENPA.
L’iniziativa fa seguito all’accordo sottoscritto da ENPA con la Provincia di Ferrara, la Fondazione Cetacea onlus, AICS Emilia Romagna e Circolo Nautico Volano finalizzato alla promozione delle iniziative di tutela delle tartarughe nella vasta area delle lagune costiere del Delta dove trovano abbondanza di cibo, ma che spesso si trovano in difficoltà.
“Moltissimi esemplari” sottolinea Marco Bravi, Presidente del Consiglio ENPA e responsabile nazionale del servizio Guardie Zoofile “sono stati trovati morti per l’impatto con eliche di imbarcazioni, ma anche per annegamento. Questi animali, infatti, pur con grandissime capacità natatorie, respirano aria ed annegano se intrappolati accidentalmente nelle reti da pesca, specie se a strascico. Speriamo con questa iniziativa di essere di aiuto nel salvataggio, ma anche nel monitoraggio. Esso infatti è un elemento importante per dare la giusta dimensione al fenomeno della mortalità elevata delle tartarughe che, se confermato, rappresenterebbe l’ennesima sconfitta dell’uomo nei confronti della Natura. L’unione delle varie associazioni sul territorio ci invita all’ottimismo. Un ringraziamento particolare va alla Fondazione Cetacea che metterà a disposizione strutture per l’accoglienza e la convalescenza di soggetti trovati feriti”.
ENPA ringrazia chi ha creduto e continuerà a credere nel progetto CARA CARETTA grazie al quale abbiamo potuto dare importanti sostegni ad altre realtà di salvaguardia delle tartarughe Caretta Caretta. Questi meravigliosi animali rappresentano un anello importante nella catena dell’habitat marino italiano che va salvaguardato.