AddThis Social Bookmark Button
Gallery shots!
Log in
Home  arrow  News dal Mondo  arrow  Solo l’eutanasia per i conigli del Parco “Franco Agosto” colpiti dalla mixomatosi

PostHeaderIcon Solo l’eutanasia per i conigli del Parco “Franco Agosto” colpiti dalla mixomatosi

_coniglietti_Copia

Nel parco urbano ‘Franco Agosto’ di Forlì si è rapidamente diffusa la mixomatosi, una tremenda epidemia che colpisce i conigli. Questa malattia attacca la vista e l’olfatto, essendo disorientati, non potendo mangiare, con il propagarsi del virus i poveri animali muoiono in tempi che vanno dai 4 ai 12 giorni.
 Nel parco si stima siano presenti circa un migliaio di conigli di razze miste.
Il Comune di Forlì ha quindi disposto restrizioni nel parco urbano costituendo, con una ordinanza, una zona infetta. Il provvedimento, proposto dal direttore della Sanità Animale forlivese del Dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl della Romagna, prevede una delimitazione «che sarà identificata dall’apposizione di tabelle con idonea iscrizione. L’ordinanza prevede la presa in carico di tutti i conigli presenti e il divieto di trasportare fuori dalla zona conigli vivi o morti. Dispone inoltre l’abbattimento dei conigli dichiarati infetti, la numerazione e l’isolamento dei conigli apparentemente sani e ribadisce il divieto di immettere conigli di altra provenienza». Molti hanno abbandonato conigli acquistati superficialmente nel Parco,
La mixomatosi, sottolinea il Comune in una nota, «è una malattia che aggredisce esclusivamente il coniglio e non colpisce né l’uomo, né altri animali».
Questa mattanza si poteva evitare se il sindaco e gli organi competenti avessero avuto i dovuti riguardi per i piccoli abitanti del parco. Non è stato fornito ai veterinari ausl il vaccino necessario affinchè gli animali non contraessero la malattia (vaccino molto economico) e solo ora che sta avvenendo una vera e propria strage si sta cercando di risolvere il problema. Ma se il comune si è sempre disinteressato dei poveri animali, l’Ausl sezione veterinaria nei mesi primaverili avrebbe dovuto vaccinare l’intera popolazione di conigli, cosa che non ha fatto.

 

Questo sito fa uso di cookie propri e di alcune terze parti. Maggiori informazioni sul trattamento dei dati personali sono disponibili nel link "privacy" qui in di lato, come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie e modificare le impostazioni del tuo browser. Proseguendo la navigazione acconsenti all'eventuale uso dei cookie di terze parti. Una volta accettato, questo messaggio non verrà più riproposto per la successiva navigazione. Vai alla pagina delle nostre Privacy Policy.

Accetto di proseguire la navigazione con i cookies.

EU Cookie Directive Module Information
Newsletter
Iscriviti subito, riceverai news aggiornamenti da Pet&Dintorni!
Spazio Associazioni
Cerca nel sito

Questo sito fa uso di cookie propri e di alcune terze parti. Maggiori informazioni sul trattamento dei dati personali sono disponibili nel link "privacy" qui in di lato, come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie e modificare le impostazioni del tuo browser. Proseguendo la navigazione acconsenti all'eventuale uso dei cookie di terze parti. Una volta accettato, questo messaggio non verrà più riproposto per la successiva navigazione. Vai alla pagina delle nostre Privacy Policy.

Accetto di proseguire la navigazione con i cookies.

EU Cookie Directive Module Information