AddThis Social Bookmark Button
Gallery shots!
Log in
Home  arrow  News dal Mondo  arrow  Cane lasciato da solo senza cibo e acqua da giorni si getta dal terrazzo per la disperazione. La padrona è stato denunciata

PostHeaderIcon Cane lasciato da solo senza cibo e acqua da giorni si getta dal terrazzo per la disperazione. La padrona è stato denunciata

balcone_CopiaLa disperazione ha vinto di nuovo la paura e ancora una volta Clambè, un meticcio prigioniero in un appartamento di Rifredi a Firnze, senza acqua né cibo, si è lanciato dal balcone andando a cadere sulla tettoia dell’ingresso del palazzo. Questa volta se l’è cavata con una zampa rotta, ma è riuscito a richiamare l’attenzione. Le guardie zoofile dell’Enpa, chiamate da una persona che aveva assistito alla caduta del cane dal terrazzo,  sono intervenute e hanno denunciato la proprietaria, una donna di 37 anni, alla Procura della Repubblica. Non era la prima volta che il meticcio saltava la ringhiera e sul suo corpo sono state riscontrate vecchie ferite, probabilmente dovute a pregressi abusi. Oltre ad avere seri problemi di deambulazione a seguito della caduta, era molto magro e presentava diffuse abrasioni del derma.
Le indagini investigative hanno potuto rilevare che, sia il cane che la persona erano  già conosciuti al Nucleo Guardie Zoofile ENPA che in analogo caso si era già occupato di un precedente fatto avvenuto nel 2016, quando il cane (sempre il medesimo) era stato lasciato solo sulla terrazza, era saltato di sotto e si era rotto una gamba. Anche in questo caso soccorso da alcuni passanti era stato portato dal veterinario per le cure immediate, però dopo l’intervento chirurgico non era stato più seguito nella terapia di riabilitazione e a tutt’oggi è rimasto con un arto invalidato.
In seguito è stata rintracciata la padrona dell'animale che si trovava a Napoli ed è stata denunciata alla Procura della Repubblica per i reati di abbandono di animale e maltrattamento. Ora rischia fino a 17 mesi di carcere e una multa di 10.000 euro.
“Ciò che ci preme di più in questo momento – ha detto il responsabile delle guardie zoofile – è che il cane possa avere una vita dignitosa lontano da quella donna che per dieci anni lo ha picchiato e gli ha fatto patire la fame”.

 

Questo sito fa uso di cookie propri e di alcune terze parti. Maggiori informazioni sul trattamento dei dati personali sono disponibili nel link "privacy" qui in di lato, come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie e modificare le impostazioni del tuo browser. Proseguendo la navigazione acconsenti all'eventuale uso dei cookie di terze parti. Una volta accettato, questo messaggio non verrà più riproposto per la successiva navigazione. Vai alla pagina delle nostre Privacy Policy.

Accetto di proseguire la navigazione con i cookies.

EU Cookie Directive Module Information
Newsletter
Iscriviti subito, riceverai news aggiornamenti da Pet&Dintorni!
Spazio Associazioni
Cerca nel sito

Questo sito fa uso di cookie propri e di alcune terze parti. Maggiori informazioni sul trattamento dei dati personali sono disponibili nel link "privacy" qui in di lato, come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie e modificare le impostazioni del tuo browser. Proseguendo la navigazione acconsenti all'eventuale uso dei cookie di terze parti. Una volta accettato, questo messaggio non verrà più riproposto per la successiva navigazione. Vai alla pagina delle nostre Privacy Policy.

Accetto di proseguire la navigazione con i cookies.

EU Cookie Directive Module Information