La Regione Lazio ha detto sì agli animali domestici in ospedale: un decreto approvato a fine novembre ha stabilito che cani e gatti potranno essere ammessi nelle strutture sanitarie, su richiesta dei loro padroni, per far visita agli stessi durante il ricovero.
Dopo Emilia Romagna, Toscana e Umbria, anche il Lazio riconosce ai possessori di animali domestici il diritto di averli vicino durante la malattia o il ricovero pre e post operatorio: si tratta di un grande passo in avanti per la sanità, che inizia a riconoscere la cosiddetta pet therapy come un prezioso sostegno per i malati.
Le nuove norme approvate si allineano così alla disciplina nazionale e riguarderanno sia le strutture pubbliche che quelle private accreditate: i reparti nei quali sarà possibile portare cani e gatti saranno identificati grazie a un logo con su scritto “4 zampe con te”.
Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, si è impegnato in prima persona per far sì che il decreto fosse approvato in tempi brevi: “La salute dei pazienti è al primo posto per noi e quindi ogni iniziativa che possa aiutarli è di fondamentale importanza – ha dichiarato – durante la malattia, infatti, avere accanto gli amici a quattro zampe ha effetti positivi nel percorso di cura e riabilitazione”.
Molto soddisfatto del risultato ottenuto è anche l’Assessore alla Sanità e all’Integrazione Sociosanitaria del Lazio, Alessio D’Amato: “La sanità è anche questo, l’umanizzazione degli ospedali – ha commentato – abbiamo lavorato molto per far partire questo servizio che sembrava irrealizzabile fino a poco tempo fa”.

 

Categorie: News