“E’ stato avvelenato, impiccato, e infine issato su un cartello stradale. L’ennesimo episodio di violenza e crudelta’ ai danni di un Lupoarriva dalla Calabria, nel comune di Marcellinara, alle porte di Catanzaro”. Lo afferma Carla Rocchi, presidente nazionale dell’Enpa, che commenta: “E’ un atto barbaro, crudele e intimidatorio. I responsabili devono pagare”. “Issato su un cartello stradale all’ingresso del comune di Marcellinara – aggiunge – questo atto di violenza osceno sembra quasi un avvertimento a tutti coloro che hanno a cuore la difesa del Lupo, prezioso alleato nel controllo di specie come i cinghiali e specie particolarmente protetta. Un gesto barbaro che denota ignoranza e totale assenza di cultura della fauna del nostro Paese. Siamo certi che le forze dell’ordine sapranno condurre al meglio le indagini – conclude Rocchi – ma auspichiamo che siano presto aggravate le pene per chi compie tali atti di violenza e crudelta’”. L’Enpa chiede che sia approvato al piu’ presto il Piano Lupi nazionale, senza il ricorso a paventate possibilita’ di uccisioni, con strumenti stringenti per la tutela del Lupo e del settore zootecnico”. (AGI)

Categorie: News