Una scultura alta 5 metri realizzata con elementi naturali raccolti nel boschi del monte Bondone da Francesco ‘Franz’ Avancini in occasione del ‘Monte Bondone Green Festival’ con il sostegno della locale Proloco. Si chiama “l’orso con la valigia” e a molti ha fatto pensare al povero orso M49 ma a quanto pare non ci sono particolari riferimenti da parte dell’autore che piuttosto ha voluto rappresentare l’animale rizzato in piedi, pronto a partire, perché la natura dell’orso è quella di muoversi e viaggiare, non di restare prigioniero in gabbia. Supportata da una struttura di rami di nocciolo, l’opera, presentata oggi ufficialmente, è ricoperta di paglia, con fieno delle Viote.
“L’orso con la valigia”  non è per Avancini la prima opera di grandi dimensioni. L’artista ha tenuto due workshop con i ragazzi di Smarmellata Project di Arco, realizzando prima una grande Scimmia, poi quest’anno un Tritone che fanno bella mostra di sé nel bosco e sono diventati due attrazioni del percorso.
L’orso con la valigia del Monte Bondone diventerà ufficialmente l’amico dei bambini e di tutti quelli che amano il Monte Bondone così com’è. Naturale, selvaggio, curioso e pronto a viaggiare per poi ritornare alle radici.

 

Foto dalla pagina Facebook di Monte Bondone Green Festival

Categorie: Animali e Cultura