Il  ministero del Turismo egiziano ha annunciato che vieterà ai turisti di raggiungere i siti archeologici di Giza e di ammirare le piramidi a dorso di cammelli, cavalli e asini. Stesso divieto per piccoli calessi a trazione animale.
A dare la notizia PETA Asia che annuncia buone notizie per cavalli, cammelli e asini dell’Egitto.
I turisti avranno accesso ad auto elettriche e autobus, come raccomandato da PETA. Questo annuncio è una grande vittoria per tutti i cammelli, i cavalli e gli asini costretti a trasportare i visitatori in groppa, o in carrozza, nei principali siti turistici dell’Egitto, nel caldo torrido, senza cibo, acqua o ombra.
Questa vittoria arriva dopo più di un anno di pressioni da parte della PETA e dei nostri associati -scrive PETA in un comunicato. “La nostra denuncia ha rivelato atroci abusi sugli animali e ha motivato quasi mezzo milione di fan a inviare lettere al Ministero del turismo dell’Egitto”.
I rappresentanti di PETA Asia hanno incontrato i funzionari del governo per discutere la fine di questo abuso vietando l’uso di animali in questi siti.
La PETA ha rivelato l’immensa sofferenza degli animali “da lavoro”. I cammelli, i cavalli e gli asini che sono costretti a trasportare i visitatori attraverso l’Egitto spesso scivolano, cadono e vengono regolarmente picchiati per farli camminare fino al punto di esaurimento psico-fisico. Un operaio è stato ripreso dalla telecamera mentre frustava senza pietà un cavallo che era crollato per strada.
La PETA ha rivelato l’immensa sofferenza degli animali “da lavoro”. I cammelli, i cavalli e gli asini che sono costretti a trasportare i visitatori attraverso l’Egitto spesso scivolano, cadono e vengono regolarmente picchiati per farli camminare fino al punto di esaurimento psico-fisico. Un operaio è stato ripreso dalla telecamera mentre frustava senza pietà un cavallo che era crollato per strada.

Molti dei cammelli usati nelle passeggiate in Egitto provengono dallo sfortunato mercato dei cammelli di Birqash, dove a volte vengono picchiati a sangue, come documentato nella denuncia della PETA. Il filmato ha portato all’arresto di tre commercianti di cammelli da parte di una forza di sicurezza guidata dal generale di brigata Assem Abu al-Khair. I commercianti potrebbero dover affrontare pene detentive fino a sei mesi, ai sensi dell’articolo 357 del codice penale.
“L’abuso di animali non deve trovare posto nelle maestose destinazioni turistiche dell’Egitto e, sebbene questa decisione non vieti tutte le passeggiate con l’uso degli animali nel paese, siamo entusiasti di questa decisione” – conclude PETA.
La PETA chiede anche all’isola greca di Santorini e all’antica città di Petra, in Giordania, di seguire le orme dell’Egitto smettendo di sfruttare gli animali per le visite turistiche. Aiutaci a fermare la sofferenza degli animali nell’industria del turismo chiedendo alla Giordania di vietare le passeggiate con asini e muli, per passare al trasporto senza animali. Puoi firmare qui la petizione per Santorini e qui la petizione per Petra.
Le nostre carrozzelle, nonostante le tante promesse delle amministrazioni che si sono succedute e promesso veicoli elettrici……sono ancora li nelle piazze di tante città d’arte.

Categorie: News dal Mondo