Uscire con il nostro cane deve essere un momento di gioia e di relax per entrambi ma non deve trasformarsi in un “liberi tutti” che mette a repentaglio la sicurezza altrui o il rispetto degli spazi della comunità.Se si è fuori falla propria città è bene informarsi perchè le amministrazioni cittadine possono aver adottato regolamenti locali differenti che si potranno visionare sui siti on line del comune. Con la redazione Lifestyle di ProiezionidiBorsa vediamo insieme quali sono le multe in agguato quando esci con il cane.
La legge dice che nei luoghi aperti al pubblico, i cani devono essere sempre portati al guinzaglio e controllati dai proprietari o di chi nel momento ne fa le veci. Il guinzaglio deve misurare non più di 1.50 m. da non tenere sganciato ma assicurato al collare o alla pettorina del cane.
Le sanzioni per chi libera un animale vanno dai 25 ai 258 euro. E sono valide anche per chi ha il guinzaglio allungabile e lo lascia libero in tutta la sua lunghezza.
E la museruola è obbligatoria o no? Su questo argomento c’è molta incertezza. Per alcuni è sempre obbligatoria, per altri mai e secondo altri ancora questa è necessaria solo se il cane è aggressivo o pericoloso.
La museruola per i cani è sempre obbligatoria ma l’obbligo consiste nel portarla con sé. In altre parole i proprietari devono sempre avere in borsa la museruola in modo di poterla utilizzare se il cane si agita, diventa aggressivo e risulta pericoloso per gli altri.
Ci sono alcuni luoghi che richiedono che il cane indossi la museruola per poter entrare, per esempio in strada e in o e sui mezzi pubblici di trasporto.
Per luogo pubblico deve intendersi ogni area accessibile ad un numero indeterminato di persone, sia all’esterno come ad esempio i parchi, sia all’interno come gli uffici pubblici. Invece i luoghi aperti al pubblico sono quelli di proprietà di privati cittadini, quindi negozi, ristoranti e così via.
Naturalmente sono previste delle eccezioni. Non è tenuto a portare con sé la museruola chi è a spasso con il cane-guida. Questi cani, per loro funzione assistenziale fondamentale per il padrone non solo non devono mai indossare la museruola ma possono entrare anche nei luoghi dove normalmente è vietato l’accesso agli animali. I proprietari del locale che non ne consentono l’accesso subiranno delle sanzioni amministrative.
Inoltre possono essere tenuti senza museruola – e anche senza guinzaglio – i cani da guardia, ma solo nei luoghi che sono tenuti a sorvegliare sempre che non siano aperti al pubblico, i cani pastore quando sono usati per il controllo delle pecore, i cani delle forze armate durante in servizio.
Che tutte queste norme siano rispettate è un obbligo del proprietario.La responsabilità del 4zampe infatti è sempre del proprietario. Quindi affidiamo il cane a persone responsabili che conoscano i cani, anzi il nostro cane e le sue reazioni. Se a portare a spasso il cane a qualcuno che lo maltratta è una nostra mancanza. Anche se il cane viene lasciaro libero e causa un danno fisico ad un altro animale o persona, per noi è cosa da codice penale.
Quando si esce con il cane, è necessario essere sempre attrezzati per la pulizia. Ma è fuori legge anche chi esce a spasso col bassotto, se ha con sé soltanto sacchetto. Bisogna averne a disposizione almeno due o tre. Scusarsi perché si è rimasti senza, non vale più. Altri Comuni multano chi ha più sacchetti, ma è privo di paletta o spazzola. Ma non basta. Ogni amministrazione comunale può decidere un ammontare diverso della sanzione, per chi non rispetta queste norme. La multa può viene maggiorata se il reato è commesso sui mezzi di trasporto, se  è all’interno di musei, siti storici (per esempio il recinto di un monumento in un parco), palazzi e castelli comunali, chiostri e cortili considerati siti culturali.
Buona passeggiata, ma occhio alle multe!

 

Categorie: Curiosità