Nelle ultime settimane tante morbide copertine hanno reso più belli e colorati i box del gattile di Monza. Le splendide coperte, peraltro molto apprezzate dagli ospiti a quattrozampe (come Gigio sopra e Mina, a sinistra), sono state realizzate da un gruppo di signore della Casa dell’Anziano San Camillo di Carugate (MI).
Tutto è nato perché diverse residenti della Casa e utenti del Centro Diurno amano gli animali, tante di loro hanno vissuto in campagna e vissuto in loro compagnia. Mettiamoci poi che a molte piace lavorare a maglia, così la psicomotricista Chiara e l’educatrice Francesca hanno lanciato l’idea di realizzare delle copertine da donare a un gattile, proposta accolta con entusiasmo. Francesca ha organizzato un laboratorio che ha coinvolto alcune le signore, mentre altre lavoravano anche in autonomia la sera e nei weekend.
L’idea di donare coperte proprio al gattile di Monza è stata invece di Daniele, il dolcissimo figlio di Chiara di 8 anni, che come regalo per la promozione lo scorso giugno ha voluto un’adozione a distanza. Così, lui e mamma Chiara sono diventati la “famiglia a distanza” dei tre maremmani Gwen, Ghost e Lady e di tutta la banda degli erbivori su cui vigilano attenti e che Chiara e Daniele (nella foto a destra con Gwen) vengono periodicamente a trovare.
Hanno dunque chiesto a ENPA se avevamo piacere nel collaborare alla realizzazione del progetto, richiesta subito accettata!
Per le utenti della casa dell’anziano e del centro diurno questo progetto è di grande importanza: realizzando le coperte per i gatti bisognosi si sentono davvero utili e per gli operatori è un ottimo sistema per tenere in allenamento le loro abilità motorie e cognitive. Per le signore è un modo per sentirsi parte di una grande famiglia e non sentirsi isolate in una struttura per anziani.

E non finisce qui!

Il progetto non finisce qui: il laboratorio è ancora attivo per produrre nuove coperte, e a maggio o giugno verrà organizzata una gita a Monza per far visitare alle artiste provette il parco rifugio e i mici ai quali hanno voluto regalare un soggiorno che più morbido non si può!

Categorie: Curiosità