I milioni di turisti che ogni anno visitano la città di New York ora avranno un’altra nuova attrazione: le balene. 
Nella baia dell’Hudson, la Cornell Universityn ha infatti individuato, non troppo lontane dalla statua della Libertà, esemplari di sei specie di balene il cui ultimo avvistamento risale a 200 anni fa. Tra queste anche la balena blu, riconosciuta come la più grande del pianeta.
I cetacei sono stati individuati dagli strumenti del Bioacoustics Research Program dell’Universita’ americana grazie alla registrazione dei loro canti che hanno fatto identificare le sei specie diverse comprese le “balene franche” ritenute in via di estinzione. Il direttore del Laboratorio, Aaron Rice, ha spiegato che: “Siamo stati molto sorpresi di trovarle cosi’ vicino alla costa, a circa 16 chilometri dalla citta’ piu’ popolosa dell’Atlantico, se si guarda dalla cima della Statua della Liberta’ verso sud e si potesse vedere sott’acqua le si potrebbe trovare”.
Alcuni di questi esemplari sono solo di passaggio, ma altri trascorreranno qui tutto l’anno. La presenza dei cetacei era naturale all’inizio dell’800, ma numerosi erano i villaggi di cacciatori di balene sull’isola di Long Island che con la loro indiscriminata attività ne avevano causato l’allontanamento.

Categorie: News dal Mondo