E’ una di quelle storie che toccano il cuore fino alle lacrime. Ettore, un cagnetto dal cuore pieno di un amore speciale per il suo umano e, non riusciva a rassegnarsi ad averlo perso per sempre così di rimanere ad aspettarlo davanti casa sotto le intemperie un giorno dopo l’altro senza mai perdere la speranza. Una storia commovente che viene dalla Calabria ma che ci riporta a quella di Hachiko, il cane di razza Akita Inu divenuto celebre per la grande fedeltà nei confronti del suo padrone che attendeva ogni giorno al treno da cui non sarebbe più sceso.
Ettore un cane molto comune ma pieno di energia: ha due anni, pesa circa 23 chili ed ha un mantello candido, chiazzato qua e là da macchie dorate. A chi non conosce la sua storia potrebbe sembrare un cagnolino allegro e felice, tuttavia dietro quel muso tenero si nasconde una grande sofferenza.
Per i primi due anni di vita, infatti, Ettore ha vissuto momenti incredibili insieme al suo padrone. Il legame che si era stretto era davvero indissolubile. Solo una cosa sarebbe stata in grado di dividerli, la morte.
Proprio come Hachiko, quando dopo due anni il proprietario di Ettore viene a mancare, il cane fedele decide di non mollare. Convinto che prima o poi il suo padrone potesse tornare da lui, ha atteso invano davanti al casolare di campagna per mesi. Al freddo, sotto le piogge invernali, senza acqua né cibo, Ettore non ha gettato la spugna.
Era certo che il suo padrone tornasse a prenderlo.
Dopo mesi strazianti, per Ettore una piccola luce si accende in fondo al buio. Trovato dai volontari dell’Ente Nazionale Protezione Animali estremamente magro e colmo di parassiti, è stato portato immediatamente al canile e curato, castrato, vaccinato e chippato.

Tornato come nuovo e con un carattere eccezionale, ad oggi Ettore non aspetta che una famiglia a cui donare lo stesso affetto e fedeltà di una volta ma speriamo che la sorte non voglia metterlo alla prova di nuovo.

Fonte: wamiz.it

 

 

 

 

 

Salvato dall’ENPA oggi cerca casa

Categorie: News