Il 29 luglio in tutto il mondo si celebrerà il “Tiger Day” un giorno dedicato a questa affascinante regina del mondo animali bisognosa di aiuto e tutela. Dare una carezza ad una tigre deve essere un’emozione incredibile ma quasi impossibile ai comuni mortali. Maometto diceva che Allah aveva creato il gatto per darci la possibilità di accarezzare una piccola tigre ed è un po’ vero.
Certo le dimensioni sono ben diverse tra gatto e tigre ma entrambi appartengono al mondo dei felini. Addomesticato il primo, selvaggio il secondo. Il gatto già 5.000 anni avanti Cristo  era accanto all’uomo nella difesa dei granai dai topi. La tigre è sempre stata invece selvaggia ed eternamente solitaria: con i suoi 2,6 metri più quasi un metro e mezzo di coda la tigre nel mondo dei felini è senz’altro l’indiscusso regina. Eppure nonostante la sostanziale differenza di taglia sono tanti gli elementi comuni tra la Panthera tigris e il Felis silvestris catus. L’unica vera grande differenza tra tigri e gatti domestici è il rapporto con i propri simili: animali essenzialmente solitari le tigri, tranne nei periodi degli accoppiamenti, animali sociali fino a formare nutrite colonie invece i gatti, un comportamento che li accomuna più ai leoni.
Vediamo quali sono alcune delle cose che accomunano gatto e tigre.
Piccole e grandi prede. Che si tratti di antilopi, cervi o porcospini per la grande e famelica tigre, o di topi, lucertole e uccelli per il piccolo e scattante gatto, la sostanza è la stessa: un grande fiuto, un’enorme attenzione ai più piccoli movimenti e la straordinaria capacità di avvicinarsi alla preda senza destare il minimo sospetto sono le virtù che rendono i nostri amici felini degli straordinari cacciatori.
Gioco con la preda. I cuccioli di tigre giocano con la preda come farebbe un gatto col topolino, un modo per imparare le tecniche di caccia e di gestione della cattura.
Pulizia maniacale. Nella caccia è essenziale non lasciare alla vittima la possibilità di fiutarti in anticipo…ecco quindi per poter sfruttare al massimo l’effetto sorpresa, l’incredibile attenzione dei felini per l’igiene e la pulizia. Tigri e gatti possono passare le ore a leccarsi e lustrarsi, per una pelliccia a prova di “naso”.
Niente tracce. Un altro ottimo stratagemma per non dare segnale della propria presenza e giocare di anticipo sulle proprie vittime è quello di non lasciare dietro di se evidenti segnali di presenza: proprio per questo tigri e gatti amano seppellire, meglio ancora se sotto la sabbia o la terra, le proprie feci.
Segnali di accoppiamento. Nel folto della jungla, nelle savane asiatiche, nelle foreste di mangrovie, oppure nelle strade urbane, nelle nostre case o al sicuro in un giardino, tutti i felini sanno bene come attirare un potenziale compagno nel periodo della riproduzione: tracce di urina, forti miagolii (o ruggiti nel caso delle tigri), scortecciamento di alberi (o divani nel caso dei gatti) sono tutti sistemi per attirare l’attenzione di un compagno con cui condividere l’avventura della riproduzione.
Mamme speciali. La mamma felino, come tutti sappiamo, sarà una straordinaria protettrice, nutrice ed educatrice: sia che si tratti di cuccioli di tigre o di cuccioli di gatto i piccoli cresciuti accanto alla mamma saranno capaci di sopravvivere nella foresta e nelle difficili città umane, imparando a cacciare qualunque cosa che si muova a portata dei loro artigli.
Le fusa. La tigre, tra i felini, è uno dei pochi che fa le fusa, esattamente come un gatto. Si pensa faccia parte del comportamento nuziale, cioè del corteggiamento, della relazione madre-piccoli, ma li può vedere con evidenza anche nei casi in cui le tigri sono in cattività, quando hanno un rapporto affettuoso con il loro conduttore.

 

 

Categorie: Curiosità