Da alcuni anni l’ associazione culturale “Il rumore del lutto” organizza nella settimana legata alla festività dei defunti, una serie di eventi. Quest’anno la sezione Enpa di Parma è entrata nel programma per uno spazio dedicato a loro, i pet che hanno condiviso la nostra vita e ci hanno lasciato. Una presenza costante nello scorrere della vita. Viviamo a stretto contatto con loro, condividendo spazi, abitudini, affetti, accompagnando giorni tristi e giorni gioiosi. Gli animali d’affezione sono componenti della famiglia, con cui instauriamo legami affettivi stabili e profondi, che, molto spesso proseguono oltre la vita. Sicché la loro morte rappresenta per noi un evento traumatico, una separazione dolorosa e pesante di cui non si parla.
Per questo, il seminario dal titolo “Il ponte dell’Arcobaleno”, in programma mercoledì 2 novembre alle 14.30 (Dipartimento di Scienze Medico Veterinarie, Aula B, Università di Parma, Strada del Taglio 10) a cura di Lella Gialdi (presidente della Sezione Enpa di Parma), vuole rappresentare un momento di riflessione e scambio di testimonianze, vissuto nella dolcezza del ricordo.
«Il titolo del seminario – spiega la presidente della Protezione Animali parmense – fa riferimento alla bellissima leggenda del popolo pellerossa di cui non tutti conoscono il contenuto. Essa parla di un bellissimo luogo in cui gli animali che ci lasciano si troveranno a vivere: prati e colline in cui correre e giocare, come fossero tutti cuccioli, perché gli anziani torneranno all’antica giovinezza. In questa vita gioiosa rimane tuttavia la malinconia per il ricordo della persona da cui si sono separati. Ma verrà il giorno in cui a turno ogni animaletto lascerà il gruppo degli amici per correre felice incontro a un’ombra sempre più definita: quella del suo amico umano, quello che tanto ha amato in vita e che a sua volta ha varcato il ponte dell’arcobaleno».
All’iniziativa interverranno le psicologhe Boniburini e Tessoni, l’antropologa Annamaria Rivera, e Fausto Quintavalla, docente della Facoltà di veterinaria .