Mancano poco all’inizio dei festeggiamenti Halloween e anche nel nostro Paese sta prendendo sempre più piede l’abitudine di festeggiare la notte di Ognissanti con feste “horror”. Anche se discutibile Halloween che vorrebbe essere un momento di divertimento, per scacciare gli spiriti cattivi diventa l’occasione per far del male a delle creaturine innocenti come i gatti neri. Lo denuncia EARTH, associazione nazionale per la tutela giuridica di animali e ambiente, che segnala come la notte di Halloween spariscano gatti neri in numero superiore a qualunque altro giorno dell’anno. E in passato sono stati trovati segni di artigianali riti crudeli dove questi poveri animali erano stati torturati o uccisi. Per questo l’associazione invita tutti a segnalare situazioni sospette a cui potrebbero imbattersi. L’uccisione o il maltrattamento di animali, è bene ricordarlo, è un reato penale, quindi anche le forze dell’ordine devono intervenire. EARTH, infine, raccomanda ai possessori di gatti neri o totalmente bianchi di tenerli all’interno delle abitazioni per tutelarli da eventuali rapimenti e raccomanda a tutte le associazioni, volontari e privati di sospendere le richieste di adozione e di affido.Perché i gatti neri in particolare godono di una fama iettarice e malefica?
Nel XIII secolo, forse proprio il suo essere  misterioso, indipendente, magneticamente affascinante, rese il gatto,  agli occhi di molti, una creatura demoniaca da associare agli eretici e alla stregoneria. Anche la Chiesa riconobbe in lui una creatura del male. Papa Gregorio IX nel 1233 con la bolla Vox in Roma, indica il gatto nero come la reincarnazione di Satana. Nel 1484 Papa Innocenzo VIII, per non far torto a nessuno scomunicò tutti i gatti e decretò che quelli trovati in compagnia delle streghe venissero con queste bruciati.  A causa di queste stragi, in breve tempo la popolazione felina rischiò scomparire e contemporaneamente aumentò in modo esponenziale quella dei topi, in particolare nelle città, dove fece la sua comparsa la peste che si diffuse in tutta Europa.

Categorie: Curiosità